Home . Lavoro . Made-in-italy . A Roma torna 'Vino e arte che passione' al Casino dell'Aurora Pallavicini

A Roma torna 'Vino e arte che passione' al Casino dell'Aurora Pallavicini

MADE-IN-ITALY
A Roma torna 'Vino e arte che passione' al Casino dell'Aurora Pallavicini

Un’occasione unica per degustare il meglio della nostra produzione vinicola italiana esplorando i segreti di alcune opere inedite dell’arte antica. E' la seconda edizione di 'Vino e Arte che passione', la manifestazione ideata e realizzata da CT Consulting events che ha l’obiettivo di riunire in un’unica spettacolare cornice le migliori aziende del vino, coniugando le degustazioni a esclusive visite guidate alla scoperta di collezioni d’arte private. Quest’anno la sede prestigiosa sarà il Casino dell’Aurora Pallavicini, gioiello del barocco romano dei primi del 1600 ubicato sul colle del Quirinale, all’interno del complesso architettonico di Palazzo Pallavicini Rospigliosi, un tempo sede delle grandiose Terme di Costantino, proprio di fronte al palazzo della Presidenza della Repubblica.

All’iniziativa, che avrà luogo domenica 21 maggio, quest’anno parteciperanno oltre 50 aziende vinicole, tutte rigorosamente selezionate per una degustazione a tutto tondo che sarà accompagnata da una visita guidata alla collezione privata del Casino dell’Aurora. Un’occasione unica per conoscere da vicino i produttori, degustare e apprezzare vini di qualità all’interno di una magnifica e unica cornice artistica e culturale.

Dopo i numerosi consensi di pubblico e critica ottenuti nel 2016, che hanno registrato, alla Pinacoteca del Tesoriere, una presenza di quasi 2.000 persone, l’evento punta così ad ampliare l’affluenza e ad allargare il panorama artistico, offrendo ai convenuti la possibilità di esplorare da vicino opere d’arte straordinarie per bellezza e stato di conservazione tra le quali, per citare le più note, l’affresco de 'l’Aurora' di Guido Reni, i dipinti di Luca Giordano, Guido Reni e Annibale Carracci, la facciata impreziosita da lastre di sarcofagi romani del II e III secolo dopo Cristo, nonché le sculture antiche che abbelliscono la sala centrale, come la Minerva, la Diana cacciatrice, e le statue della scala d’ingresso, detta 'la Pastorella'. L’iniziativa si svolgerà dalle ore 15 alle 20,30.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI