Presentata l'87a Fiera internazionale del Tartufo Bianco d'Alba

Liliana Allena, presidente dell’Ente Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, ha presentato le principali novità dell'87ma edizione, che si svolgerà all'insegna del design e della grande cultura. Grazie alla collaborazione con Alberto Alessi, il 26 settembre sarà svelato al mondo il primo affettatartufi progettato da un designer di fama internazionale e messo in produzione dalla 'Fabbrica dei sogni' di Omegna. L'affettatartufi verrà presentato in seno all'inaugurazione di 'Truffle. Il Design Alessi incontra il Tartufo Bianco d'Alba', esposizione che raccoglie i progetti del workshop attraverso cui Alessi ha chiamato designer e architetti internazionali a confrontarsi nell'ideazione di un 'Kit per il Tartufo Bianco d'Alba'.

L’offerta culturale della Fiera proseguirà nel segno dell’arte contemporanea con Marina Abramović e Tullio Pericoli. Grazie al sodalizio tra la famiglia Ceretto, il Comune di Alba e la Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, la sacerdotessa della performance art allestirà nel Coro della Maddalena di Alba una video-installazione dal titolo Holding the Milk, che verrà inaugurata il 28 settembre e sarà visitabile fino al 12 novembre.

Il giorno successivo, 29 settembre alle 18,30, l’artista terrà uno speech al Teatro Sociale di Alba. Il pittore e disegnatore Tullio Pericoli presenterà 'Le colline davanti. Viaggio nelle terre di Langhe, Roero e Monferrato', una personale selezione di 85 opere ispirate al paesaggio collinare piemontese riconosciuto dall'Unesco Patrimonio Mondiale dell'Umanità. La mostra sarà inaugurata il 23 settembre e sarà aperta al pubblico, fino al 26 novembre, all’interno della Chiesa di San Domenico.

Grazie alla collaborazione con la Fondazione Bottari Lattes, dal 4 novembre al 17 dicembre, sarà visitabile la mostra 'Poeti/Pittori/Poeti', dipinti di autorevoli protagonisti della pittura del ‘900, molti dei quali furono anche poeti: Luigi Bartolini, Filippo de Pisis, Franco Fortini, Mario Lattes, Carlo Levi, Eugenio Montale, Pier Paolo Pasolini, Giuseppe Zigaina. Il Premio Bottari Lattes Grinzane, infine, porterà ad Alba lo scrittore Ian McEwan, che riceverà il riconoscimento il 13 ottobre al Teatro Sociale G.Busca, dove terrà una lectio magistralis aperta al pubblico.

La Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba è una delle principali vetrine dell’alta gastronomia e delle eccellenze italiane. Quest’anno il Bocuse d’Or, la più importante competizione delle arti gastronomiche a livello mondiale, ha scelto le Langhe e il Roero per selezionare lo chef che guiderà il Team Italia alla Selezione europea di Torino, l’11 e 12 giugno 2018. La finale italiana della competizione si svolgerà in piazza Risorgimento, ad Alba, il prossimo 1 ottobre. Di fronte a una giuria di altissimo livello, composta da 30 chef provenienti da tutta Italia e presieduta da Enrico Crippa (tre stelle Michelin e miglior cuoco del mondo per l'Academie Internationale de la Gastronomie), si sfideranno gli Paolo Griffa, Giuseppe Raciti, Martino Ruggeri e Roberta Zulian.

Durante le otto settimane della Fiera, in programma ad Alba dal 7 ottobre al 26 novembre, il Tartufo Bianco d'Alba sarà al centro di un ricchissimo programma di eventi tra show cooking, enogastronomia, incontri culturali, musicali, letterari, folcloristici e sportivi. Quasi due mesi di appuntamenti che coinvolgeranno non solo la capitale delle Langhe, ma tutto il territorio dove, di anno in anno, si rinnovano il mistero e la magia del Tuber magnatum Pico, il mitico Tartufo Bianco d'Alba che solo in queste zone è diventato il simbolo di un patrimonio di esperienze collettive che coinvolgono la ristorazione, l’ospitalità e l’autentico modo di vivere italiano.

"L’87a edizione della Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba - dichiara Liliana Allena, presidente dell’Ente Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba - celebra l’incontro tra il nostro pregiato fungo ipogeo e le più prestigiose eccellenze del design, dell’arte e dell’enogastronomia mondiale. Il design, tema centrale di questa edizione, grazie alla collaborazione con Alberto Alessi, porterà alla creazione di un oggetto straordinario: un affettatartufi che saprà tradurre in bellezza la bontà del Tartufo Bianco d’Alba senza tralasciare le esigenze funzionali legate al taglio. L’offerta culturale e artistica della Fiera, inoltre, si arricchirà di nomi di assoluto livello come Marina Abramović, Tullio Pericoli e Ian MacEwan".

"Non può mancare l’enogastronomia che quest’anno vedrà la città di Alba protagonista della Selezione Italiana del Bocuse d’Or, la più importante competizione gastronomica al mondo. Siamo molto orgogliosi dell’evoluzione di questi importanti progetti che rappresentano un impegno corale tra istituzioni e territorio e connotano il brand 'Tartufo Bianco d’Alba' non soltanto come uno dei più importanti ambasciatori delle nostre colline, ma anche del Made in Italy nel mondo", aggiunge.

"Negli ultimi anni la nostra città e la nostra Fiera - sottolinea il sindaco di Alba, Maurizio Marello - sono diventate sempre più internazionali: si è lavorato molto per questo e stanno arrivando grandi risultati. Insieme ai numeri storici in termini di presenze portate sul territorio dalla Fiera dell’anno scorso, c’è la candidatura di Alba al riconoscimento di Città Creativa Unesco per la Gastronomia arrivata a Parigi e c’è anche il grande onore, per la nostra città, di ospitare il 'Bocuse d'Or', il concorso di cucina che laurea i migliori cuochi del mondo, in programma il prossimo 1 ottobre. Sono successi importanti che devono spronarci nel proseguire facendo sempre meglio, rinnovando e reinventando le diverse iniziative, mantenendo contestualmente la valorizzazione delle tradizioni e del folclore. Solo così riusciremo a conservare nel tempo l’alto livello della nostra Fiera e della nostra città come meta turistica internazionale".