Home . Lavoro . Norme . Bellanova, su Teleperformance accordo che scongiura esuberi

Bellanova, su Teleperformance accordo che scongiura esuberi

NORME
Bellanova, su Teleperformance accordo che scongiura esuberi

Teresa Bellanova

“Dopo un ampio confronto, finalmente, abbiamo siglato un accordo importante che evita la dichiarazione di esuberi strutturali”. Così la sottosegretaria al Lavoro, Teresa Bellanova, sull’accordo quadro per il rilancio della società Teleperformance firmato al ministero del Lavoro. “Salvaguardia dell’occupazione -sottolinea- ma anche un impegno su un fronte più ampio, in grado di scommettere sulla possibilità di conciliare la crescita con una buona gestione dei tempi di vita e di lavoro, per un’azienda a così forte prevalenza femminile".

"L’accordo quadro sottoscritto -spiega Bellanova- arriva in alternativa alla societarizzazione prevista dall’azienda e alla flessibilità extracontrattuale. Fin dall’inizio della trattativa abbiamo messo sul tavolo il ricorso ai contratti di solidarietà a supporto della salvaguardia dei livelli occupazionali e di interventi di recupero della produttività, anche attraverso una diversa strategia organizzativa, in un’ottica di maggiore rispondenza alle esigenze produttive. Quindi non un mero ammortizzatore sociale in funzione ‘assistenziale’, ma un modello innovativo che integra tutela dell’occupazione e rilancio industriale”.

Il contratto di solidarietà difensiva avrà durata di 12 mesi e riguarderà tutte le sedi operative aziendali. Intanto il confronto tra azienda e sindacati riprenderà già a partire da settembre sull’individuazione di tutte le iniziative utili a rilanciare la competitività e a acquisire nuove commesse e nuovi spazi di mercato.

“Dal canto suo il ministero del Lavoro -fa notare la sottosegretaria- assume un impegno preciso: favorire tutte le misure che consentano di accrescere i risultati aziendali e al contempo migliorare le condizioni di lavoro, in un’impresa che vede una prevalenza della componente femminile tra i dipendenti, e una forte richiesta di conciliazione tra tempi di lavoro e di vita".

"Ed in merito -precisa- già lo scorso luglio avevamo incaricato Italia Lavoro di condurre uno studio, in collaborazione con la società, conclusosi con l’elaborazione poi del 'Progetto Welfex' che prevedeva possibili interventi sull’attuale sistema aziendale di organizzazione dei turni e degli orari in un’ottica di produttività e proprio di conciliazione lavoro-famiglia".

"Tenere insieme questi due obiettivi -rimarca Teresa Bellanova- è prioritario e possibile, facendo leva su un utilizzo intelligente del part time, e tramite una forte innovazione nella gestione del lavoro, anche con l’impiego nuovi strumenti e nuova tecnologia”.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI