Reichlin: "Inps deve restare fuori da condizionamenti politica"

"Mi sembra che ci sia una relazione tecnica che accompagna il provvedimento. E mi sembra che ci siano dati condivisibili e credibili. Gli organi dello Stato come l'Inps elaborano dei dati tecnici e proprio per questo devono restare al di fuori dei condizionamenti della politica. Per di più, l'Inps ha una banca dati molto importante e il presidente Boeri l'ha rafforzata ulteriormente". Così l'economista Pietro Reichlin, professore di Economia alla Luiss 'Guido Carli', sulla polemica tra governo e Inps sulla relazione tecnica allegata al dl dignità.

Per Reichlin, "se da un lato si pongono delle restrizioni sui contratti a termine e dall'altro si impongono delle penali sui contratti a tempo indeterminato, non si possono certo avere effetti positivi sull'occupazione".

Fondamentale, per lo studioso, è che "i tecnici siano lasciati fuori dalla discussione politica". "Mantenere la separazione su due piani differenti tra politica e organi tecnici - ribadisce - è fondamentale per il funzionamento del Paese. Gli organi devono restare fuori dal condizionamento della politica, poi la politica con i dati elaborati può farci quello che vuole".