Home . Lavoro . Previdenza . Cida: "Ricalcolo contributivo su pensioni medio-alte non percorribile"

Cida: "Ricalcolo contributivo su pensioni medio-alte non percorribile"

PREVIDENZA
Cida: Ricalcolo contributivo su pensioni medio-alte non percorribile

Giorgio Ambrogioni, presidente di Cida

"Finalmente il buon senso sembra prevalere sugli slogan: il ricalcolo contributivo sulle pensioni medio-alte non è tecnicamente percorribile e, così come è stato annunciato e proposto nella proposta di legge Molinari-D’Uva, è iniquo e incostituzionale". Così Giorgio Ambrogioni, presidente di Cida, la confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità, commentando lo studio riportato oggi dal quotidiano ‘la Repubblica’. "Non possiamo che condividere la tesi contenuta nel documento anticipato dal quotidiano. L’analisi elaborata dal centro studi autonomo ‘Itinerari previdenziali’ sugli effetti dell’ultima iniziativa legislativa sulle pensioni coincide e amplia quanto sostenuto da Cida, che aveva interpellato economisti e giuristi per confortare le proprie tesi", spiega Ambrogioni.

"Non solo il cosiddetto ricalcolo contributivo è tecnicamente impraticabile per carenza o mancanza dei dati previdenziali necessari -rimarca- ma la soluzione prospettata nell’articolato governativo appare giuridicamente insostenibile perché mette insieme retroattività, coefficienti stimati e calcoli presunti".

"Nella nostra azione sindacale -continua Ambrogioni- a difesa del trattamento pensionistico di dirigenti e manager (cui si sono aggiunti magistrati, diplomatici, militari, professionisti) abbiamo denunciato gli aspetti velleitari della proposta fortemente sponsorizzata dal ministro del Lavoro, Di Maio, e ne abbiamo dimostrato le palesi carenze tecniche, l’incongruenza giuridica e la strumentalizzazione politica ai danni di una parte importante della classe dirigente di questo Paese. Lo abbiamo fatto ‘a viso aperto’, chiedendo a più riprese un incontro con il ministro per spiegare ed argomentare le nostre tesi. Richieste finora rimaste senza risposta", avverte.

"Voltiamo pagina, allora, e apriamo un confronto leale -spiega ancora Ambrogioni- fra governo e chi rappresenta diritti e interessi di importanti categorie professionali. I cosiddetti corpi intermedi non vanno demonizzati, né ghettizzati, ma ascoltati e apprezzati al di fuori di pregiudizi lobbistici. Sta emergendo - dice - l’ipotesi di un contributo di solidarietà sulle pensioni medio-alte per recuperare risorse da destinare ad interventi nel welfare e nell’assistenza".

"Diciamo subito -aggiunge- che tale scenario non ci piace affatto, visto che le nostre categorie di pensionati hanno già dato in termini di contributi di solidarietà e blocchi della perequazione. Però, siamo disponibili a sederci attorno a un tavolo e a discutere se la proposta viene sostenuta da un contesto politico convincente e da un’impalcatura tecnica sostenibile".

"Altra sarebbe la nostra reazione se si volesse testardamente insistere sulla via dell’imposizione di un ricalcolo contributivo delle pensioni, basato sul pregiudizio e su quella ‘caccia alle streghe’ mediatica che è si è voluta costruire con il trucco delle pensioni d’oro", conclude Ambrogioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.