Home . Lavoro . Professionisti . La crisi finanziaria si combatte con il Risk Manager

La crisi finanziaria si combatte con il Risk Manager

PROFESSIONISTI
La crisi finanziaria si combatte con il Risk Manager

Le crisi finanziarie che hanno colpito le economie di vari Paesi in questi ultimi anni impongono una gestione attenta e preventiva di rischi, anche dei soldi e dei capitali, e capacità tecniche notevoli, soprattutto per quanto riguarda i cosiddetti 'big data'. Arriva ora una nuova figura professionale specializzata nella gestione dei rischi degli intermediari finanziari, in grado di svolgere mansioni legate sia all’analisi dell’andamento dei mercati finanziari, sia alla definizione di strategie di gestione dei rischi di mercato, di credito e di liquidità. E' il Quantitative Risk Manager.

A formare questo nuovo profilo professionale ci pensa il Master universitario full time di II livello in Quantitative Risk Management, nato da una collaborazione tra il Dipartimento di Scienze Statistiche dell’Università di Bologna e Crif, azienda leader nelle soluzioni a supporto dell’erogazione e della gestione del credito.

Giunto alla seconda edizione, il Master prenderà il via l’8 gennaio 2018 (le iscrizioni sono aperte fino al 21 novembre) e si terrà a Bologna. Il Master fornirà ai partecipanti le competenze per affrontare gli aspetti di frontiera nella misura e nella gestione del rischio, nel contesto dei recenti sviluppi della regolamentazione; si svolgerà interamente in lingua inglese (240 ore di didattica) ed è rivolto a candidati in possesso di laurea magistrale in economia, statistica, matematica, fisica, ingegneria e scienze politiche (con solide basi quantitative).

“Il Master fornirà competenze nell’analisi dei cosiddetti ‘big data’, ovvero dell’enorme mole di informazioni che le aziende finanziarie devono gestire. L’orientamento pratico del percorso di formazione passa attraverso l’uso delle tecniche informatiche più diffuse presso le istituzioni finanziarie; in questo modo si intende favorire l’inserimento dei partecipanti al Master nel mondo del lavoro", spiega Luca De Angelis, del Dipartimento di Scienze Statistiche dell’Università di Bologna. "Alla fine del corso - prosegue - i partecipanti saranno in grado di utilizzare le tecniche di analisi finanziaria più avanzate, con particolare attenzione ai metodi per la misura e la gestione dei rischi di mercato, di credito e di liquidità".

Crif, azienda globale specializzata in sistemi di informazioni creditizie e di business information, servizi di outsourcing e processing e soluzioni per il credito, che occupa oltre 3.700 professionisti e conta oltre 58 società in 27 paesi nel mondo, porterà in aula le competenze e le esperienze dei propri esperti maturate in oltre 25 anni di attività. “Per favorire l’inserimento dei partecipanti al Master nel mondo del lavoro, il percorso formativo prevede un tirocinio pratico della durata di 300 ore presso Crif - aggiunge Diletta Campanella, Recruiting Specialist di Crif - o una delle aziende partner".

"Crif mette a disposizione 5 borse di studio del valore di 5.000 euro ciascuna, che verranno assegnate ai candidati classificati nelle prime 5 posizioni della graduatoria di selezione. Inoltre, la Regione Emilia-Romagna assegna 8 borse di studio del valore di 5.000 euro a altrettanti studenti residenti in Emilia-Romagna", sottolinea. Il 26 settembre, nella sede Crif di Bologna, si svolgerà una giornata di orientamento per neolaureati sulla professione del Credit Risk Management, nonché la presentazione dell’edizione 2018 del Master.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI