Home . Lavoro . Sindacato . Sicurezza, Associazioni: "Fare chiarezza su steward e addetti controllo"

Sicurezza, Associazioni: "Fare chiarezza su steward e addetti controllo"

SINDACATO
Sicurezza, Associazioni: Fare chiarezza su steward e addetti controllo

Creare 'massa critica' sul tema della sicurezza e fare chiarezza. E' l'obiettivo delle tre associazioni di categoria Aiss, Federsicurezza e Federpol che si sono incontrate "per discutere -si legge in una nota- delle problematiche sorte all'indomani di due circolari emanate dal ministero dell’Interno nelle quali veniva usato il termine stewarding per indicare il personale a cui affidare i compiti di gestione della sicurezza negli eventi musicali, sportivi, culturali: gli steward, i cui compiti stabiliti dal legislatore, sono limitati esclusivamente all’ambito sportivo calcistico".

Franco Cecconi, presidente dell’Aiss, "in ben due missive recapitate al Viminale -continua la nota- richiedeva ai funzionari del ministero dell'Interno delle precisazioni". "Lo steward è un operatore le cui mansioni - precisa - sono limitate agli eventi sportivi calcistici: basti pensare che per una partita di basket o di pallavolo il personale da utilizzare per l’assistenza si riconduce alla qualifica di 'operatore addetto ai servizi di controllo'".

"Un equivoco -spiega la nota- che potrebbe dar luogo a non poche incomprensioni su tutto il territorio nazionale, soprattutto durante il periodo estivo ricco di eventi di massa. Ma facciamo un passo indietro: chi sono le figure professionali che attualmente oltre alle forze dell’ordine hanno incarichi complementari alla sicurezza pubblica? Sono essenzialmente -spiega la nota- tre: le guardie giurate, gli addetti ai servizi di controllo e gli steward, con caratteristiche operative e formative sostanzialmente diverse".

"Aiss, Federsicurezza e Federpol hanno deciso di creare 'massa critica' sul tema della sicurezza, il tema centrale della conferenza -spiega ancora la nota- è stato quello relativo alle problematiche sorte all’indomani della circolare del 23 giugno scorso emanata dal capo della Polizia Gabrielli, in occasione dell’apertura della stagione estiva, ove si indicava con il termine stewarding l'attività da svolgere per i servizi di accoglienza e controllo, al posto degli addetti ai servizi di controllo, come invece previsto dal dm 6 ottobre 2009".

"Il ministero, a seguito dei fatti di piazza San Carlo a Torino, in data 7 giugno, emanava una nuova circolare all’interno della quale secondo l'opinione delle tre associazioni, si lasciava troppo spazio all’interpretazione rispetto a quale tipologia di personale fosse da utilizzare in tali contesti", ricorda.

"Il ministero, il quale grazie alle segnalazioni dell’Aiss e delle altre associazioni -conclude la nota- ha preso atto della possibilità di facili equivoci, è stato tempestivo nel risolvere di fatto la questione facendo pervenire alle Prefetture a alle Questure di tutto il territorio nazionale, una prossima circolare per chiarire i riferimenti normativi riguardanti la figura degli 'addetti ai servizi di controllo', unica titolata a svolgere i servizi in questione".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI