Contratti, ok a piattaforme rinnovo artigiani area tessile-chimica e pmi moda

La delegazione trattante di Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil ha varato le ipotesi di piattaforma del contratto nazionale di lavoro artigiani area tessile-moda e area chimica, ceramica, gomma plastica (che conta 155.000 addetti in circa 60.000 nel settore della moda e 95.000 addetti distribuiti su circa 40.000 imprese per quanto riguarda la chimica) e del contratto nazionale di lavoro pmi moda, calzature, pelli e cuoio e chimica, gomma plastica con associazioni artigiane e 3° fuoco in scadenza entrambi il 31 dicembre 2018.

Per quanto riguarda l'ipotesi di piattaforma ccnl artigiani area tessile-moda e area chimica, ceramica, gomma plastica, in linea con quanto previsto dall’accordo interconfederale del 23 novembre 2016, si richiede un aumento medio sui minimi tabellari di 87 euro per i settori afferenti al ccnl Area Tessile/Moda, di 106 euro i settori afferenti al ccnl area Chimico, Gomma/Plastica, Vetro, di 94 euro per il settore Ceramica con riferimento al salario medio di settore.

Per contrastare lo sfruttamento lavorativo dovuto ad orari allungati a dismisura e paghe al di sotto di quelle stabilite dal ccnl sono richieste azioni congiunte per il raggiungimento della sistematica applicazione, ove se ne riscontri la fattispecie, dell’art. 603 bis (Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro) del codice penale. Nel contratto si chiede alle associazioni di categoria un impegno per contrastare i fenomeni di deriva contrattuale, rappresentati da associazioni imprenditoriali e sindacati di comodo, attraverso la diffusione di contratti di lavoro (contratti pirata) significatamene al di sotto del costo medio del lavoro.

Sono richiesti 10 giorni (di cui 5 retribuiti) annui per l’assistenza dei figli malati in età compresa tra i 3 e i 13 anni. È richiesto, al fine di prevenire ogni forma di violenza, in particolar modo quella di genere, un avviso comune per la promozione del rispetto delle culture e delle persone, specialmente delle donne.

Per quanto riguarda l'ipotesi di piattaforma ccnl pmi moda, calzature, pelli e cuoio e chimica, gomma plastica con associazioni artigiane e 3° fuoco, in particolare sul fronte del salario, per il settore della moda, si richiede un incremento salariale medio sui minimi tabellari di euro 110 con riferimento al 3°livello super. Si richiede un incremento dell’Elemento di garanzia retributiva dagli attuali euro 240 a euro 350 annui (per le aziende che non fanno contrattazione di 2° livello). Per il settore della chimica, il rinnovo del contratto nazionale dovrà garantire, tenuto conto degli andamenti economici, la difesa del potere di acquisto dei salari attraverso l’incremento dei minimi contrattuali e migliorare il welfare contrattuale e le prestazioni lavorative.

La richiesta di incremento salariale complessivo è pari a: 94 euro sul salario di riferimento per il comparto chimico e settori accorpati (livello a); 115 euro sul salario di riferimento per il comparto plastica e gomma; 107 euro sul salario di riferimento per il comparto abrasivi; 106 euro sul salario di riferimento per il comparto ceramica; 107 euro sul salario di riferimento per il comparto vetro; 106 euro sul salario contrattuale per il comparto del 3° fuoco. Si richiede l’aumento delle maggiorazioni per i turni notturni e disagiati e la rivalutazione dell’elemento perequativo (per le aziende che non fanno contrattazione di 2° livello).

Sul fronte ambiente e sicurezza, si richiede di implementare la normativa esistente con: introduzione di una formazione/informazione strutturata e condivisa sul rischio biologico; prevedere che le Rlsa possano assumere una competenza anche sulle questioni ambientali assumendo il ruolo di Rlssa (rappresentanti lavoratori salute sicurezza ambiente) con un’adeguata formazione; istituzione del libretto formativo per la registrazione dei corsi sostenuti dalle Rlssa; prevedere, in caso di malattie professionali riconosciute e certificate la possibilità di adibire la lavoratrice/il lavoratore a mansioni compatibili con la malattia anche attraverso percorsi di riqualificazione; definizione di linee guida condivise sui rischi e sull'impatto ambientale che prevedano un monitoraggio della situazione individuando incontri periodici in cui condividere eventuali piani di intervento.

Per quanto riguarda l’orario di lavoro, si richiede di: coinvolgere, valorizzare il ruolo delle Rsu nella definizione degli orari; permettere alla Rsu la conoscenza piena dell’utilizzo dei contratti a termine e in somministrazione attraverso una più costante e continua informazione sugli sviluppi; rendere più usufruibile l’orario part-time anche con l’ampliamento della percentuale e la possibilità di definire meccanismi di rotazione.

Sul tema dei diritti individuali le richieste sono: 10 giorni l’anno, cinque dei quali retribuiti, di congedo per malattia del figlio in età compresa tra i 3 e i 13 anni; il superamento del periodo di carenza contrattuale per tutti i settori del Tessile/Moda; la costituzione di una Commissione paritetica per l’armonizzazione degli istituti della malattia, malattia professionale, infortunio sul lavoro di tutti i settori del ccnl; in caso di ricovero ospedaliero del minore fino al terzo anno di età, retribuzione del 30% per un massimo di 30 giorni lavorativi.

Per quanto riguarda la violenza di genere è richiesta l’adozione di un avviso comune per la promozione del rispetto delle culture, delle persone e in particolar modo delle donne. Per quanto riguarda il tema del 'reshoring' è dirimente la richiesta delle organizzazioni sindacali di stimolare politiche di sviluppo della produzione in Italia e di creare condizioni che facilitino e incentivino il 'rientro' di produzioni dall’estero. Ora la parola passa ai lavoratori che valuteranno e arricchiranno l’ipotesi di piattaforma nelle assemblee.