Home . Lavoro . Start-up . Startup Revoluce propone conto energia ricaricabile e apre a investitori

Startup Revoluce propone conto energia ricaricabile e apre a investitori

START-UP
Startup Revoluce propone conto energia ricaricabile e apre a investitori

Revoluce, la startup che propone un modo nuovo di acquistare l’energia elettrica con un’alternativa di consumo più consapevole, semplice ed economica, propone agli investitori pubblici e privati una quota dell’azienda attraverso la piattaforma di equity crowdfunding Muumlab, che dal 2015 raccoglie capitali a favore di startup e pmi innovative, fondi e holding di partecipazioni.

Il progetto di Revoluce parte dal Mezzogiorno con una mission tanto semplice quanto ambiziosa: rivoluzionare il mercato energetico italiano con prodotti e servizi innovativi ad altissimo valore tecnologico. La startup presenta la prima energia ricaricabile che semplifica il modo in cui le famiglie italiane acquistano energia per la propria abitazione: a differenza dei fornitori tradizionali, che ogni bimestre inviano la classica bolletta piena di voci non sempre comprensibili, con Revoluce il cliente paga solo l’energia che consuma grazie a un prezzo al kWh tutto incluso e senza costi fissi.

"Il totale da pagare è dato da una formula rivoluzionaria: prezzo x consumo. Questo per il cliente significa trasparenza, controllo della spesa e risparmio. Revoluce si rivolge ai cosiddetti 'revolucionari', un target di nativi digitali (ma non solo), che, stanchi di ricevere la vecchia e incomprensibile bolletta cartacea a fine mese, vogliono un’alternativa di consumo più smart ed economica", spiega una nota.

Per questo l'azienda offre una modalità innovativa per l’acquisto di energia. Oltre che a saldo, l'energia può essere acquistata in anticipo proprio come si fa per le ricariche del credito telefonico: come minuti, messaggi e gigabyte, anche in questo caso l’utente può monitorare live il proprio consumo, ricaricando il proprio credito quando si accorge che sta per terminare. In un solo anno la crescita è stata rapidissima, con oltre 1.000 nuovi '#revolucionari' provenienti principalmente dal web e dal passaparola positivo.

Per raggiungere i risultati previsti dal piano di sviluppo, dal 3 luglio Revoluce ha aperto la sua compagine societaria a nuovi investitori. Privati e aziende possono investire nelle quote aziendali fino al 4% del capitale con una valutazione attuale della startup pari a circa 1,2 milioni di euro. La campagna durerà 3 mesi ed è ospitata dalla piattaforma di Equity Crowdfunding Muumlab, che dal 2015 raccoglie capitali a favore di startup e pmi innovative, fondi e holding di partecipazioni. La quota minima d’investimento è di 250 euro e i privati potranno acquistare quote fino al valore di 1.000 euro, mentre per le aziende il tetto massimo è 10mila euro.

“Chi sceglie di credere in noi, che sia cliente o investitore, non lo fa solo per il risparmio in bolletta - afferma Giuseppe, Ceo e fondatore del progetto - o per un futuro ritorno economico. Chi investe oggi in Revoluce ha fiducia e coraggio nel cambiamento. Cerchiamo soci, non semplici investitori, che scelgono di partecipare a una vera rivoluzione, che sta cambiando radicalmente il modo in cui le famiglie italiane acquistano e concepiscono l’acquisto di energia elettrica”. Per partecipare alla raccolta o ottenere maggiori informazioni sul progetto è possibile visitare le pagine dedicate su Muumlab o Revoluce.it.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI