Home . Magazine . Cybernews . Il robot i-Cube fa progressi, l'IIT protagonista a Seeds&Chips

Il robot i-Cube fa progressi, l'IIT protagonista a Seeds&Chips

Tutti i progressi dell'umanoide al Global Food Innovation Summit a Milano

CYBERNEWS
Il robot i-Cube fa progressi, l'IIT protagonista a Seeds&Chips

Il robot i-Cube dell'IIT (Foto ufficio stampa Istituto Italiano Tecnologia)

E' diventato più grande, più 'adulto' ed ha imparato nuove cose. Ora iCub, il robot umanoide con le dimensioni di un bambino di circa 4 anni ed il più diffuso al mondo, mostrerà i suoi progressi alla terza edizione di Seeds&Chips - the Global Food Innovation Summit che si tiene dall'8 all'11 maggio a Fiera Milano Rho. A presentare i passi avanti di i-Cube è l'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), centro di riferimento internazionale per la ricerca scientifica ad alto contenuto tecnologico. Alla convention l'IIT sarà presente con alcuni tra i più straordinari progetti nell’ambito della robotica domestica e dei nuovi materiali e sistemi applicabili al settore del food.

"iCub è molto di più di un robot: possiede 53 snodi di movimento, ha telecamere che riproducono la vista, microfoni per la ricezione di suoni, sensori inerziali che riproducono il senso dell’equilibrio, e sensori tattili e di forza per misurare l’interazione con l’ambiente" scandisce l'IIT.

Ma non solo. i-Cube è anche l'unico robot al mondo con il corpo ricoperto di una pelle artificiale, "un sensore tattile che gli permette di capire se e come viene toccato dall’uomo e di rispondere nella maniera adeguata" sottolinea l'Isituto guidato da Roberto Cingolani. Nell’ultimo anno il robot ha imparato a mantenere l’equilibrio sulle sue gambe anche quando viene spinto. Recentemente iCub "ha fatto ulteriori progressi: è munito di uno zainetto per contenere una batteria di alimentazione e di una scheda di connessione wireless ai computer, per essere libero da cavi e più agile nei movimenti in autonomia" anticipa ancora l'IIT.

Pressoché infiniti i campi di applicazione di questo umanoide, da quelli domestici a quelli industriali, dal campo biomedico al riabilitativo. "Il robot potrà assistere gli anziani o i malati all’interno delle case, svolgere compiti pericolosi ma che necessitano di manualità accurata in ambienti lavorativi come aziende chimiche e farmaceutiche, supportare l’attività umana in contesti di emergenza e disastri naturali" aggiunge l'Isituto Italiano di Tecnologia che, in occasione del Summit, illustrerà anche i migliori risultati di ricerca nel campo della food Innovation, e con applicazioni che variano dal domestico all’industriale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.