Home . Magazine . Cybernews . Startup, come costituirla a 'costo zero'

Startup, come costituirla a 'costo zero'

CYBERNEWS
Startup, come costituirla a 'costo zero'

Creare una startup innovativa senza bisogno di notaio, né di andare alla Camera di Commercio, facendo ogni operazione online.

Tutto questo è oggi possibile: da luglio 2016, infatti, non è più necessario andare dal notaio per costituire una Srl con i requisiti di startup innovativa e 'iubenda' - azienda italiana che opera nel settore legale fornendo strumenti per creare privacy, cookie policy e applicazioni - permette, in modo facile, economico e sicuro, di eseguire questa operazione da casa.

La società - con oltre 25mila clienti in più di 100 Paesi - ha rilasciato un servizio che interviene per semplificare ancora di più la procedura resa disponibile dalla piattaforma governativa (startup.registroimprese.it) per costituire la propria startup innovativa.

Il servizio si occupa di:

- redigere atto costitutivo, statuto e documenti necessari seguendo una procedura guidata e con il supporto di un team legale;

- guidare nel pagamento delle imposte di registrazione fiscale;

- creare la firma digitale e la Pec;

- inviare la documentazione a Camera di Commercio e Agenzia delle Entrate;

- aprire la partita Iva;

- dare indicazione su adempimenti successivi.

Tutti i documenti vengono redatti secondo il modello fornito dal ministero dello Sviluppo economico e ogni utente può controllare - in qualsiasi momento - lo stato di avanzamento della pratica.

"Ci siamo trovati di fronte a un cambiamento importante, che non poteva passare inosservato: ossia, la possibilità di costituire la propria startup innovativa senza doversi recare obbligatoriamente da un notaio e senza dover necessariamente percorrere l’iter a cui siamo sempre stati abituati" afferma Andrea Giannangelo, Ceo e fondatore di iubenda.

"In questi mesi siamo riusciti ad interfacciarci con le Camere di Commercio di tutta Italia, Roma e Milano su tutte, e ora riusciamo a gestire molto facilmente ogni pratica" aggiunge. "Alla fine del processo, la società può operare legalmente. Ora stiamo costruendo una rete di commercialisti in tutta Italia che possa supportare le startup nelle fasi successive alla costituzione".

COS'È UNA STARTUP INNOVATIVA - I requisiti minimi per rientrare nella categoria sono: un oggetto sociale incentrato sullo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di servizi o prodotti innovativi, ad alto contenuto tecnologico e la sede principale dei propri affari ed interessi in Italia.

In più, i soci della costituenda startup innovativa dovranno autocertificare il possesso di almeno uno dei seguenti requisiti aggiuntivi:

- le spese in ricerca e sviluppo saranno uguali o superiori al 15% del maggiore valore fra costo e valore totale della produzione della startup innovativa;

- saranno impiegati come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo, in percentuale uguale o superiore al terzo della forza lavoro complessiva, persone in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che stanno svolgendo un dottorato di ricerca presso un'università italiana o straniera, oppure in possesso di laurea e che abbiano svolto, da almeno tre anni, attività di ricerca certificata presso istituti di ricerca pubblici o privati, in Italia o all'estero;

- la startup sarà titolare, depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale relativa a una invenzione industriale, biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale direttamente afferenti all'oggetto sociale e all'attività di impresa.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI