Home . Magazine . Cybernews . Gardaland rivoluziona 'I Corsari'

Gardaland rivoluziona 'I Corsari'

CYBERNEWS
Gardaland rivoluziona 'I Corsari'

Gardaland rivoluziona dopo 26 anni la sua attrazione più famosa, I Corsari, con l'aiuto di nuove tecnologie in grado di rinnovare l'esperienza offerta ai visitatori. Nel 1992 I Corsari ha rappresentato l'opera più imponente mai realizzata in un parco dei divertimenti in Italia: 3 anni di lavoro, 30 aziende coinvolte e un investimento di 60 miliardi di lire. Oggi l'attrazione simbolo risultava superata e questo nonostante l'interesse sempre vivo da parte della clientela. Per la stagione 2018 Gardaland ha deciso di dotarla di una storia totalmente nuova, dal titolo 'I Corsari: La vendetta del fantasma”, e utilizzate il video-mapping 3D, una particolare tecnica digitale di proiezione, per coinvolgere il pubblico.

Grazie all'innovativa tecnologia in 3D impiegata, i visitatori avranno la sensazione di vivere in prima persona l’avventura assistendo a duelli, attraversando mondi sotterranei popolati da creature soprannaturali, villaggi e galeoni abbandonati. La tecnologia multimediale utilizzata è una tecnica di proiezione nata con l’intento di trasformare qualsiasi tipo di superficie in un display dinamico; attraverso combinazioni di luci proiettate sulla superficie di un oggetto è possibile creare effetti scenici, animazioni e immagini con il risultato finale di una scena in 3D. La qualità delle immagini proiettate sarà elevata grazie alla tecnologia led a stato solido dei proiettori: una luce molto potente e precisa, ma dai consumi contenuti nel rispetto dell'ambiente.

Anche dal punto di vista della colonna sonora della nuova avventura sarà una rivoluzione: oltre a nuovi contenuti, verranno sostituiti tutti i diffusori e saranno oltre 100 le casse audio presenti. Chiaramente, la colonna sonora sarà completamente originale e a dare la voce al narratore fantasma ci ha pensato Pietro Ubaldi, doppiatore in Italia – tra gli altri – del pirata Capitan Barbossa nella saga dei 'Pirati dei Caraibi'.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.