Home . Magazine . Cybernews . Online vs tradizionale: il web mette ko i vecchi casinò

Online vs tradizionale: il web mette ko i vecchi casinò

CYBERNEWS
Online vs tradizionale: il web mette ko i vecchi casinò

(Fotogramma)

In collaborazione con Moving Up

I casinò online, con tutti i loro vantaggi, hanno surclassato i casinò fisici tradizionali, che a quanto pare non hanno superato la crisi e rischiano oggi di fallire. La crisi economica degli ultimi anni ha colpito tutti i settori, compreso il mondo del gioco d’azzardo, in particolare quello dei casinò fisici tradizionali. Se i casinò online sembrano continuare a gonfie vere nel loro business, gli altri infatti non danno segni significativi di ripresa. Anzi, si può dire che i casinò virtuali continuino imperterriti a mangiare il terreno sotto ai piedi di quelli classici, con conseguenti incassi e un numero di fruitori in costante aumento. Dopotutto i vantaggi del servizio online sono davvero tanti, anche se le sale da gioco mantengono sempre sicuramente un fascino intramontabile.

I casinò online: un business che procede a gonfie vele

I casinò virtuali danno numerosi vantaggi all’utente e per questo mano a mano che passa il tempo essi ampliano il ventaglio di iscritti, anche a spese dei casinò tradizionali e delle sale da gioco per scommesse che si trovano in tutta Italia.

Giocare online, tuttavia, è innegabilmente comodo: non ci sono tempi ristretti, etichette da rispettare, si ha l’anonimato e si può fare comodamente da casa da qualunque device (pc, tablet, smartphone) connesso a internet. I casinò online spiccano anche per la sicurezza e proprio per questo motivo oggi non sono oggetto delle manovre del nuovo governo in tema per contrastare la ludopatia e l’illegalità.

Siti come www.auraweb.it, infatti, riescono a garantire un gioco regolare, legalità e sicurezza grazie alla certificazione aams. I migliori casinò virtuali hanno riportato nella homepage il simbolo aams di riferimento al Monopolio, abbinato al numero di licenza. In questo modo facendo un controllo incrociato è possibile per l’utente verificare di avere a che fare con un casinò riconosciuto e legale, sotto controllo costante delle autorità.

Su questi siti sono presentate in modo chiaro le regole di gioco e le percentuali di vincita. A mettere a rischio l’utente, nei casinò online, può essere solo un comportamento errato dello stesso: quando sceglie password facilmente violabili o non chiude la sessione utilizzando computer condivisi etc.

Il casinò tradizionale è in crisi e rischia il fallimento

I casinò fisici in Italia sono solamente quattro (Sanremo, Venezia, Campione d’Italia, Saint Vincent) e non hanno vita facile. Se da un lato i costi di mantenere un certo etereo lusso e offrire determinati servizi sono molto elevati, le entrate sembrano non essere sufficienti per compensare le uscite. Questo, nonostante le strategie messe a punto per tentare la ripresa.

Da un lato sembra che si opererà facendo dei tagli, quindi a farne le spese saranno il 20-30% dei dipendenti che attualmente vi lavorano, dall’altra si punterà sull’organizzazione di iniziative come tornei, bonus speciali, promozioni, benefit che online non si possono avere e che solo un casinò tradizionale può offrire.

Luci, suoni, cortesia, servizi di classe continueranno a completare il quadro affascinante e fiabesco del casinò in stile Las Vegas. A remare contro alle sale da gioco tradizionali è anche il fatto stesso che sono poche e ubicate tutte nel Nord Italia e che, quindi, attirano principalmente un’utenza di quest’area, dovendosela anche di conseguenza suddividere.

I problemi economici quindi interessano tutti e quattro i casinò: Campione in questi mesi del 2018 sembra essere in perdita rispetto allo scorso anno del 15,5%, Sanremo del 6,6%, Venezia del 9,8%, Saint Vincent del 9,9%. In tutti i casi, la speranza per le sale da gioco classiche è l’ultima a morire anche se qualche giorno fa uno dei quattro casinò, il Casino di Campione d’Italia, tra l’altro rapinato all’inizio di quest’anno, ha presentato un’istanza di fallimento alla Procura di Como.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.