Home . Magazine . Moda . Ballantyne punta sulla donna e va alla conquista di nuovi mercati

Ballantyne punta sulla donna e va alla conquista di nuovi mercati

MODA
Ballantyne punta sulla donna e va alla conquista di nuovi mercati

Ballantyne, primavera estate 2017

Ha detto 'no' (per ora) alla Cina per assicurare al marchio una crescita solida e di lungo periodo. Pensa agli Usa, "tra qualche anno", quando tutto sarà pronto. Al momento Fabio Gatti, che ha rilevato lo scorso anno dal fondo Charme della famiglia Montezemolo il brand Ballantyne per una enterpriese value, conferma Gatti all'Adnkronos, di 6 milioni di euro, punta su Giappone e Corea, oltre che ovviamente sul mercato italiano, mentre è in trattativa per l'espansione in Germania, Francia e Inghilterra. Ballantyne è passato dunque da un fondo a un imprenditore, tutto italiano, suonando un po' un canone inverso rispetto a molti marchi che passano a holding, gruppi, fondi, soprattutto stranieri.

In un anno dall'acquisizione, il direttore creativo e amministratore delegato ha già raggiunto il break even. Oggi, oltre a guardare a nuovi mercati, soprattutto punta sulla donna che fino a poco tempo fa rappresentava soltanto il 10% della collezione e oggi ha superato il 50%. Una crescita che sarà graduale, assicura Gatto, tanto più che alle spalle della società non c'è alcun fondo di private equity che richiede di monetizzare l'investimento in tempi relativamente rapidi. oggi c'è un imprenditore che, spiega all'Adnkronos, si vuole prendere tutto il tempo per raccontare la storia di un marchio dall'heritage nobile, prodotto in Italia, Mongolia e Scozia.

Intanto si presenta con una nuova collezione donna dove la maglia resta la protagonista indiscussa, soprattutto se si pensa che il capo più importante è rappresentato dal twin set proposti in una calda palette cromatica, tra motivi floreali e tessuti al contrario, con un lavoro certosino per nascondere i fili volanti.

In generale sono tre i mondi proposti: Workwear, Vintage Touch e Riviere. La maglieria presente nel primo tema è caratterizzata da intarsi, lavorazioni tridimensionali, lettering e disegni geometrici su vestibilità sia moderne sia d’archivio. Gli intarsi all over a forma di elefante movimentano i cardigan e i pullover, mentre nei capi dai filati più grossi la dinamicità è portata dalle cromie a contrasto degli scolli e delle maniche. La maglia invade anche la dimensione del tessuto, rivelandosi attraverso particolari studiati e eleganti quali tasche in maglia applicate a pantaloni, gonne a portafoglio, abiti e tute dalle linee scivolate. Piccole rouges in maglia corrono sugli scolli di abiti lunghi e canotte in tessuto. Bluse e pantaloni in seta o cotone e lino completano questo mondo per la parte tessuto, assieme a total look in felpa con patch applicate.

Per il mondo Riviere Ballantyne propone stampe floreali, eleganti mix and match declinati su modelli dalle vestibilità over, crop o d’archivio. Le stampe nelle varianti colore porpora e avorio campeggiano su abiti e eleganti kimono in seta oppure in bluse seriche con maniche in maglia. Sempre in maglia troviamo abiti lunghi a righe blu e rosse a cui si aggiunge un total look maglia e pantalone con lo stesso pattern. Nei pullover si gioca con la maglia e il tessuto, combinandoli assieme per alleggerire il capo per esempio con un pannello di seta sulla schiena.

Nel mondo Vintage Touch, la donna Ballantyne sviluppa in modo speculare all’uomo un tema legato all’heritage sia nei modelli che nei colori. L’ispirazione viene dai grandi capi iconici che hanno reso famoso Ballantyne nel mondo della maglieria, come i twin set, proposti in una calda palette cromatica e in tagli croppati. Nel knitwear troviamo anche altri modelli d’archivio ma innovati nelle forme e nella vestibilità. La maglia è a volte protagonista del capo, in altre occasioni viene invece utilizzata come elemento di dettaglio nei polsini o negli scolli.

Capi crochet intrecciati a mano diversificano la proposta knitwear, ampliandola. Anche il tessuto qui ha una sua identità e ispiraziopne retrò e completa questo mondo vintage proponendo bluse in seta nera con stampe floreali multicolor disegnate da Ballantyne. Intanto il 6 ottobre prossimo, inaugurazione della nuova boutique milanese di via bagutta, dove verrà presentata la Heritage Collection.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI