Ludovica Palomba, tendenze design non esistono. Si progetta per l'uomo

Le tendenze non esistono o, almeno, non esistono più. Al centro del pensiero progettuale del designer ci sono l'uomo e l'abitare. Ne è certa Ludovica Palomba che insieme a Roberto è una delle più internazionalmente celebri coppie di architetti italiani. In occasione del Salone del Mobile di Milano disegnano, tra gli altri per Driade, Kartell e Poltrona Frau. "L'Italia è il Paese che ispira il resto del mondo. Questo sono solo gli italiani a non saperlo. Ma la nostra creatività - spiega all'Adnkronos - e il saper fare delle nostre aziende è riconosciuta da tutti".

Ma quale direzione sta prendendo il progetto? Oggi "stiamo andando nel mondo dell'abitare. E' lì che sta andando il mondo. Sono anni che dico che le tendenze non esistono, che sono state superate. Abbiamo tutti più voce e spazio, possiamo esprimerci. Stiamo cercando un modo migliore perché ognuno di noi possa vivere in base al proprio modo di vivere. Chi riceve molto, chi riceve solo amici, chi esce tanto, ma fuori vuole ritrovare quel 'semplice e gentile' che trova a casa sua" spiega la designer.

Che sottolinea anche l'importanza dell'aspetto "ecologico": "stiamo capendo che di mondi ne abbiamo uno solo e che se lo trattiamo da pattumiera vivremo in una pattumiera. Siamo noi che stiamo diventando centrali. Il viaggio è diventato un modo per abitare il mondo, le macchine vengono raccontate come spazi da abitare. L'uomo torna centrale e questa non è una tendenza, ma una qualità di vita". Questa ispirazione e questa finalità "le avevamo perse perché ad un certo punto erano arrivati tanti materiali nuovi e dovevamo esprimerci. Dunque diventavano tutti 'ismi'. Oggi i materiali sono i medesimi da molti anni. Poi si possono caricare di significati abbinando colori, opacità, lucentezza leggerezza, ma stiamo tornando sull'uomo come elemento centrale di ogni cosa che facciamo".

Per Driade il duo disegna 'Sissi', "sedia in plastica a iniezione, con o senza braccioli, molto leggera, impilabile da indoor, con doppia possibilità di cuscino da indoor o outdoor. La caratteristica di questa sedia è la leggerezza estetica" spiega Ludovica Palomba, evidenziando che "viene memorizzata in un solo istante, perché alla base del disegno ci sono due semplici cerchi. Ma la vera caratteristica è l'aspetto ecologico: pesano molto poco grazie a un ridotto utilizzo di materie plastiche".

Per Driade anche creato un progetto di imbottiti componibili, "ma hanno anche la caratteristica di prestare molta attenzione alla produzione, ovvero cambiando pochi elementi cambia il prodotto ma si ottimizza il processo. Sono declinati con tessuti, pelle, scamosciati con cuscini gioiosi e giocosi". Si tratta di Mod e Mody, Lirico e Lirica, Rever, che giocano con cromie e texture creando intrecci materici abbinati ai decori e alle pelli dal tocco naturale e morbidissimo. I divani diventano haute couture.

Poi per Kartell il duo ha creato una seduta lounge in plastica per aperitivi e spazi all'aperto. E ancora, un divano per Poltrona Frau 'Let it Be', "seduta più bassa rispetto allo standard dell'azienda. che parte dal concetto dei lettini da campo, con tubolari ai lati e giochi di cuscinature".