Home . Magazine . Moda . Ruffini, cassa Moncler per investimenti corporate, retail e infrastrutture

Ruffini, cassa Moncler per investimenti corporate, retail e infrastrutture

MODA
Ruffini, cassa Moncler per investimenti corporate, retail e infrastrutture

La cassa generata da Moncler verrà destinata agli investimenti retail, corporate e infrastrutturali, anche digitali. Così il presidente e ad di Moncler, Remo Ruffini, a margine dell'assemblea dei soci che si è riunita oggi a Milano. Nessuna anticipazione, ovviamente, sui risultati del primo quarter che verranno approvati dal cda il prossimo 4 maggio. Ruffini si limita a dire che "i mercati stanno a andando bene. Si sta ricreando una buona clientela in Europa, dopo che negli anni scorsi i clienti erano un po' spariti a causa di tutti i fatti macroeconomici e macro politici". 

Per quanto riguarda la Turchia "ci sono stato la settimana scorsa e ho visto una situazione come se fosse in stato di guerra" aggiunge. "La Cina, anche nel settore della gioielleria si sta riprendendo", comparto che storicamente riparte prima degli altri e si pone al traino. "Un po di difficoltà - segnala ancora Ruffini - sicuramente negli Stati Uniti, con i department store in grande crisi". In più, "con questo dollaro, gli americani cominciano ad andare all'estero a fare shopping e ci sono pochi turisti". Ma quella generale e' comunque "una situazione direi buona". Per Moncler, "vediamo. Per noi l'estivo conta poco. Il nostro fatturato vero arriva da settembre in poi, specialmente nel quarto Q. Fare delle previsioni credo che sia impossibile a causa della volatilità dei mercati,dei turisti e delle città". Nel frattempo la maison del Galletto pensa agli investimenti, cui riserva circa il 6% dei ricavi, come conferma Ruffini.

"L'azienda sta facendo cassa e dunque gli investimenti sono previsti non solo nel retail come abbiamo fatto negli ultimi anni, ma anche nella struttura aziendale. Stiamo cercando di creare un'azienda solida con una visione di lungo periodo". Tra gli investimenti non sono per ora previste acquisizioni: No - risponde a chi gli domanda in proposito il numero uno di Moncler - più che altro abbiamo bisogno di fare ancora investimenti nella nostra struttura. Di fatto, la nostra è una azienda che ha 12-13 anni e sono solo otto anni che fa retail. Abbiamo ancora tanti investimenti da fare, sia a livello retail, sia livello corporate, sia a livello infrastrutture, specialmente nell'area digitale".

Prosegue intanto il piano di espansione retail che prevede 14 aperture nel 2017, ma soprattutto "due progetti che sono, al di fuori dei numeri, i più importanti: Canton Road a Hong Kong, che è la via del lusso nel mondo per antonomasia a livello di ricavi, e poi Montenapoleone". Lo evidenzia il presidente e ad di Moncler, Remo Ruffini, a margine dell'assemblea dei soci. Al progetto di Milano, confessa, " tengo molto perché la nostra città natale. Abbiamo in previsione l'espansione. Diventerà un vero flagship con cinque vetrine, tre piani e dunque una vera casa Moncler a Milano".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI