Home . Magazine . Moda . Chignon addio, le dive a Venezia si pettinano così

Chignon addio, le dive a Venezia si pettinano così

MODA
Chignon addio, le dive a Venezia si pettinano così

Valeria Golino, Jasmine Trinca e Isabella Ferrari (Fotogramma)

Un look al naturale ed estremamente raffinato. Niente capelli raccolti o chignon, piuttosto acconciature che mettano in risalto il viso, illuminato dai mille riflettori del Lido. Alla 74esima Mostra del Cinema di Venezia, l'hairstyling più gettonato tra le dive italiane sarà quello classico, al naturale, senza esagerazioni od orpelli.

Look sofisticati e anche un po' snob, insomma, come spiega all'AdnKronos Roberto D'Antonio, famoso hairstylist romano e punto di riferimento nel mondo della coiffure, che nella Laguna avrà tra le mani le teste di alcune delle dive più celebri del grande schermo.

A partire da Jasmine Trinca, chiamata al fianco della presidente della giuria Annette Bening per assegnare il Leone d'Oro, fino a Claudia Gerini e Isabella Ferrari. Dive nostrane che si accompagneranno a Valeria Golino e a Cristiana Capotondi, che a Venezia saranno acconciate da D'Antonio, sotto le cui forbici sono passate tra le donne più note della Capitale: dal mondo del cinema alla politica, ad esempio, Daniela Santanché a Mara Carfagna.

"Jasmine Trinca sfoggerà un taglio semi-corto - dice D'Antonio - con punte chiare e base scura; un look molto al naturale". Ma in generale, "tutti i look che proporrò saranno molto accurati e raffinati - chiosa il coiffeur -. Quest'anno prediligerò acconciature che saranno vie di mezzo". Se ad avere la meglio sul tappeto rosso saranno le chiome libere, sarà invece bandito il classico chignon. "Si vedranno molto poco i capelli raccolti nei look che realizzerò - conclude D'Antonio - adesso i capelli si portano solo tirati indietro sul davanti e lasciati liberi sul collo".

Focus inoltre sul viso, che - suggerisce ancora il coiffeur - "deve rimanere scoperto, per dare luce". Del resto, si sa, sul red carpet l'importante è brillare.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI