Home . Magazine . Moda . Sfilate donna al via all'insegna del 'green', il 24 settembre chiusura con Calenda

Sfilate donna al via all'insegna del 'green', il 24 settembre chiusura con Calenda

Il 24 settembre evento di chiusura con ministro Calenda e attori internazionali

MODA
Sfilate donna al via all'insegna del 'green', il 24 settembre chiusura con Calenda

Cristina Tajani e Carlo Capasa

La moda a Milano torna protagonista dal 16 al 26 settembre formato XL, ma soprattutto green. Extralarge perché per la prima volta nella storia raccoglierà sotto lo stesso cappello tutte le manifestazioni di settore: dagli accessori, di scena alla Fiera di Rho e nelle showroom in città, alle collezioni donna, in calendario dal 20 al 25 settembre, distribuite tra sfilate e presentazioni. A rendere plastica l'idea di quello che sarà la lunga kermesse un progetto, 'Milano XL - La festa della creatività italiana' che porterà per la città sette installazioni formato gigante che racconteranno la moda made in Italy e tutta la forza del suo artigianato.

Ma la settimana milanese sarà soprattutto 'green'. Innanzitutto perché la sera del 24 settembre, in chiusura, al Teatro alla Scala di Milano si terrà la prima edizione dei 'Green Carpet Awards', ribattezzati gli Oscar della moda sostenibile. Un evento nel corso del quale verranno assegnati diversi premi e che vedrà la partecipazione del ministro allo Sviluppo Economico Carlo Calenda, del sottosegretario allo Sviluppo economico Ivan Scalfarotto, del sindaco Giuseppe Sala, dell'assessore alla Moda Cristina Tajani, oltre a un parterre importante di attori internazionali.

Intanto le maison si preparano a mostrare le novità di stagione con 63 sfilate, 94 presentazioni, 2 presentazioni su appuntamento e 20 eventi in calendario, per un totale di 159 collezioni. Tante le novità con il debutto di Paul Surridge da Roberto Cavalli, Lucie e Luke Maier da Jil Sander e, per la prima volta in calendario le sfilate di Albino Teodoro, Brognano, The-Sirius (presentato da Mercedes-Benz) e Ssheena.

Tra gli spazi cittadini dedicati alla manifestazione, la Sala Cariatidi di Palazzo Reale e la Fabbrica del Vapore di via Procaccini che apre per la prima volta alla moda donna. Inoltre, una sala sfilate e due di presentazioni saranno ospitate nello Spazio Cavallerizze del Museo della Scienza e della Tecnologia. L'Unicredit Pavillon sarà di nuovo il quartier generale di Milano Moda Donna e ospiterà la quinta edizione di Fashion Hub Market: in mostra 14 brand emergenti provenienti da tutto il mondo. Dhl e Cnmi hanno lanciato un premio in denaro a supporto della internazionalizzazione che verrà destinato al vincitore. La premiazione avverrà il 21 settembre.

Inoltre, per questa stagione la Camera della Moda ha avviato la collaborazione con Ordre, una piattaforma di wholesale on line: i 14 designer per una stagione ne faranno parte, mentre uno o due designer per un intero anno. Sempre a proposito di giovani, in occasione del Green Carpet Awards Italia, cinque giovani talenti parteciperanno alla serata alla Scala e uno di loro riceverà il premio 'Franca Sozzani GCC Emerging Designer of The Year'.

Commentando l'adozione di una carta a tutela di modelle e modelli da parte dei francesi Kering e Lvmh, il presidente di Cnmi, Carlo Capasa, ha fatto notare che "in Italia siamo stati i primi a dotarci di un codice etico al quale ci atteniamo. Andrà rivisto e aggiornato, ma rende chiaro che queste tematiche in Italia sono ben presenti".

Il presidente ha anche anticipato che il tessile abbigliamento italiano, secondo le stime di Camera nazionale della moda italiana, chiuderà l'anno in corso con un giro d'affari di 86 miliardi di euro, in crescita del 3% rispetto agli 84 del 2016. "Un'ottima previsione di crescita" ha evidenziato Capasa, aggiungendo che "stiamo performando molto bene in particolare fuori dall'Italia".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI