Home . Salute . Da puzzle a dieta 'pescetariana', 10 segreti per un cervello giovane

Da puzzle a dieta 'pescetariana', 10 segreti per un cervello giovane

SALUTE
Da puzzle a dieta 'pescetariana', 10 segreti per un cervello giovane

(Fotogramma)

Una dieta non vegana ma 'pescetariana', alcuni 'jolly' promossi dalla ricerca - dal caffè all'olio di cocco - ma anche puzzle, giochi elettronici e i classici libri a volontà, per non parlare dell'amore di una famiglia. La scienza traccia la via da seguire per provare a rallentare le lancette dell'orologio biologico e mantenere il cervello giovane e sano il più a lungo possibile. Dai laboratori alla vita reale, Valter Longo, biochimico italiano eletto dal Time 'guru della longevità' - una vita a cavallo fra gli States, dove dirige l'Istituto di longevità della School of Gerontology all'University of Southern California, e il Belpaese, dove è a capo del Programma longevità e cancro all'Ifom di Milano - riassume le indicazioni che arrivano dagli studi in 10 passi 'amici' della mente.

Dell'argomento si parla oggi in occasione del talk show scientifico 'Dieta della longevità e stile di vita per la prevenzione e cura delle malattie neurodegenerative' organizzato dal gruppo Korian, realtà attiva nel settore dell'offerta di servizi di cura e assistenza per l'invecchiamento, con un network europeo di 715 strutture (da case di cura ad appartamenti protetti). L'evento è in diretta su Facebook, e offre uno spazio di confronto fra esperti su un tema prepotentemente in cima alle agende sanitarie dei Paesi occidentali: l'impatto di Alzheimer e demenze.

Per proteggere il cervello si può cominciare a impugnare coltello e forchetta, spiega lo scienziato che ha dato i natali alla Dieta mima-digiuno (Dmd) e ha investigato su tavole illustri: quelle dei centenari più famosi del Pianeta, fra cui la 'super nonna' italiana Emma Morano, vissuta 117 anni.

E proprio alla dieta sono dedicati i primi punti della 'gold list', basata sulle ricerche più recenti.

1) Dieta pescetariana 'salva' neuroni. Una dieta quasi vegana, priva di proteine di origine animale (carne, latte e derivati, e così via), potrebbe svolgere una funzione preventiva delle malattie neurodegenerative. Unica eccezione all'interno di un menù ad alto contenuto di proteine vegetali, verdure e legumi, è il pesce, ammesso soprattutto se ricco di omega 3 e omega 6, e vitamina B12 (sardine, salmone, pesce azzurro, crostacei, molluschi), ma non più di due volte alla settimana. Da evitare zuccheri e farine raffinati, prodotti industriali. Semaforo verde, ma con parsimonia, per vino rosso, olive, pecorino e formaggio feta. "E' un regime in linea con la dieta dei centenari - spiega Longo all'AdnKronos Salute - e avere fra gli alimenti pesce e frutti di mare ha il vantaggio di evitare problemi di compliance. E' difficile portare persone abituate a mangiare carne bianca e rossa a una dieta vegana, senza rischiare anche problemi di malnutrizione in un'età fragile come quella anziana. Anche la dieta mediterranea antica mostra negli studi effetti protettivi, seppur limitati al 10-15% per l'Alzheimer. E' pur sempre un vantaggio rispetto alla dieta standard in Italia, dove il 60% è convinto di seguire nella vita di tutti i giorni i principi" della dieta consacrata patrimonio dell'umanità dall'Unesco, "ma meno del 10% lo fa davvero".

2) Dieta mima-digiuno, non oltre i 70 anni. Adottare periodicamente una dieta a ridotto apporto calorico, per 5 giorni e sotto controllo medico, può generare effetti positivi sullo stato di salute dell'organismo, con cambiamenti nei fattori di rischio associati alle malattie neurodegenerative. Fino a 70 anni, precisa Longo, "periodi di digiuno intermittente (Fast Mimicking Diet) contribuiscono a rigenerare le cellule neurali, riparando quelle danneggiate e sostituendole con cellule nuove attraverso un vero e proprio processo di ringiovanimento dall'interno che migliora l'apprendimento e la memoria".

3) Caffè preventivo. Studi suggeriscono che un consumo moderato di caffè potrebbe proteggere il cervello da alcune forme di demenza. In particolare alcuni lavori sull'Alzheimer indicano una riduzione di circa il 30% del rischio di sviluppare la malattia nei 'bevitori' più appassionati.

4) Olio di cocco. E' fra gli alimenti neuroprotettivi. Una ricerca su pazienti con Alzheimer associa a un consumo di 40 ml giornalieri un miglioramento delle funzioni cognitive. Sotto la lente degli scienziati l'azione dei suoi acidi grassi a catena media contro le demenze.

5) Lettura, puzzle e 'Digital gaming' per allenare il cervello. Potrebbero essere battezzati esercizi per la mente, migliorano le funzioni cognitive - spiega lo scienziato - e aiutano a prevenire o ritardare l'insorgenza delle demenze.

6) Attività aerobica per migliorare le funzioni cognitive. Una rassegna degli studi su attività fisica e demenza eseguiti su 800 pazienti e 18 test clinici è arrivata alla conclusione che l'attività fisica, e in particolare gli esercizi aerobici (corsa, nuoto e così via), migliorano le funzioni cognitive nei pazienti affetti da demenza.

7) Semaforo verde per l'olio d'oliva. I suoi grassi monoinsaturi, osserva Longo, sembrano svolgere una funzione protettiva contro l'Alzheimer, a differenza del consumo di grassi saturi o trans presenti negli alimenti di derivazione animale (carne rossa, burro, formaggi, latte intero, salumi), che potrebbero aumentare il rischio.

8) Bastano pochi grammi di frutta a guscio (noci, mandorle, nocciole). Longo cita un recente studio spagnolo che ha dimostrato come aggiungere alla dieta mediterranea 30 grammi al giorno di frutta a guscio, nelle persone con più di 60 anni, ma probabilmente anche a età inferiori, determini un miglioramento delle funzioni cognitive.

9) Cervello in forma, fra affetti e socialità. Vivere relazioni sociali intense e gratificanti, mantenendo un ruolo attivo in famiglia aiuta a mantenere sempre attive le nostre strutture cognitive, evidenzia Longo, favorendo la rigenerazione neuronale e soprattutto attivando i centri di rilascio della dopamina, fondamentale per contrastare l'insorgenza della depressione, il cui rapporto con l'Alzheimer è al centro di studi anche italiani.

10) Mai senza vitamine. "Alcune vitamine e altri nutrienti vengono proposti come neuroprotettivi e quindi capaci di proteggere le cellule del sistema nervoso", commenta Longo. Lo scienziato fa riferimento a studi che hanno evidenziato carenze di acidi grassi omega-3, vitamine del complesso B e vitamine E, C e D negli individui affetti da invecchiamento cerebrale e demenze. Via libera, spiega quindi, a tante verdure di stagione e un po' di frutta e ogni 3-4 giorni, un integratore alimentare completo.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI