Home . Salute . Tornare a vivere dopo il terremoto grazie allo Shiatsu, l'esperienza a Norcia

Tornare a vivere dopo il terremoto grazie allo Shiatsu, l'esperienza a Norcia

SALUTE
Tornare a vivere dopo il terremoto grazie allo Shiatsu, l'esperienza a Norcia

Operatrice Fisieo a Norcia/Fisieo

Ritornare a vivere, nonostante la paura e lo sconforto causati da un trauma devastante come quello di un terremoto. E la ripartenza passa prima di tutto dal contatto umano, come insegna l'esperienza della Fisieo - Federazione italiana Shiatsu insegnanti e operatori, che si è attivata in supporto alla popolazione di Norcia, colpita l'agosto dello scorso anno dal tremendo sisma che ha devastato il Centro Italia. Nella località umbra alcuni operatori sono rimasti circa un mese lo scorso agosto, per far riscoprire ai terremotati, grazie alla pratica dello Shiatsu, "la grande forza che hanno dentro". A raccontarlo all'AdnKronos Salute è Gianfranco Ferraro, responsabile regionale Fisieo dell’Umbria, che nell'aprile del 2016 era stato tra gli organizzatori del Convegno nazionale della Federazione tenutosi proprio a Norcia.

"A Norcia siamo stati accolti benissimo - ricorda Ferraro - ci hanno dato più di quanto avessimo chiesto, ed abbiamo sentito la necessità di tornare per dare il nostro aiuto. Le persone hanno risposto positivamente, oltre alle nostre più rosee aspettative - sottolinea - Noi lavoriamo attraverso il contatto fisico, e proprio con il contatto abbiamo avvertito la paura e il loro senso di impotenza, il loro continuo disagio, il loro bisogno di aiuto".

"Abbiamo praticato il metodo Masunaga, psicologo e filosofo Zen, grazie al quale - precisa Ferraro - si ottiene un trattamento di riequilibrio energetico. Dopo i trattamenti le persone hanno riscoperto la grande forza che hanno dentro. Al di là del fattore fisico, si è trattato anche di un sostegno psicologico. Spesso è capitato che qualcuno abbia pianto durante il trattamento, ma alla fine le lacrime si sono asciugate in un sorriso di felicità. Ritrovare le proprie risorse, e sentire finalmente queste persone dire 'ce la posso fare, posso andare avanti' per noi è stata una grande soddisfazione".

"Un giornata è stata interamente dedicata a genitori e figli - ricorda l'operatore - si è trattato di una sorta di gioco nel quale i bambini e in genitori praticavano Shiatsu a turno l'uno sull'altro, vicendevolmente. Vederli sorridere insieme ci ha riempito di gioia. Alcuni ci hanno anche voluto esprimere quello che hanno provato e quanto è stato importante attraverso dei pensierini e riconoscimenti". E l'esperienza Fisieo a Norcia non è finita, rassicura Ferraro: "Sto organizzando il calendario per continuare questo percorso", conclude.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI