Home . Salute . Ema a Milano, la proposta di Lara Comi

Ema a Milano, la proposta di Lara Comi

SALUTE
Ema a Milano, la proposta di Lara Comi

Un grande evento al Pirellone, per mostrare ai delegati esteri che parteciperanno al G7 della Salute in programma il 5 e il 6 novembre a Milano "la carta vincente della città" nella sfida per ospitare la nuova casa dell'Agenzia europea del farmaco Ema in era post Brexit: "La garanzia di una sede prestigiosa, già esistente e operativa". A lanciare la proposta è Lara Comi, vice presidente del gruppo Ppe al Parlamento europeo, in vista dell'appuntamento che riunirà sotto la Madonnina i ministri della Salute di Italia, Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti.

"Penso a un'attività di lobbying in loco, a Palazzo Pirelli - spiega Comi all'AdnKronos Salute - un momento di spiegazione, per favorire la conoscenza di una struttura già pronta e attiva, in una location fra l'altro ben collegata con treni e aerei". Nell'iter della votazione, che il 20 novembre si concluderà con il nome della città vincitrice, "è molto importante puntare ai Paesi più indecisi. La Grecia, per esempio - ricorda l'europarlamentare - ha già assicurato che al secondo turno voterebbe per noi".

"Milano ha tutto pronto, mentre altre candidate no", sottolinea Comi, convinta dei numeri del capoluogo lombardo: "Se nella scelta della nuova sede Ema contassero solo i criteri tecnici, credo che Milano possa vincere".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI