Home . Salute . Farmaceutica . 100 anni di Menarini, al via i festeggiamenti a Firenze

100 anni di Menarini, al via i festeggiamenti a Firenze

Da prima sede a Napoli nel 1886, l'azienda si stabili' in Toscana nel 1915

FARMACEUTICA
100 anni di Menarini, al via i festeggiamenti a Firenze

"Oggi festeggiamo 100 anni di 'fiorentinità': Menarini è nata a Napoli nel 1886, ma dal 1915 la sede è stata fissata a Firenze e oggi non possiamo non celebrare questa città, la più bella del mondo". Così il presidente del gruppo farmaceutico Menarini, Lucia Aleotti, ha inaugurato oggi nel capoluogo toscano il primo di una serie di eventi di festeggiamento per un secolo di storia trascorso sulle rive dell'Arno.

L'occasione è stata la presentazione della monografia dedicata a Pontormo a cura di Antonio Natali, direttore degli Uffizi, e Carlo Falciani, docente dell'Accademia delle belle Arti di Bologna. La chiesa di Santa Felicita, parrocchia granducale della famiglia dei Medici, conserva al suo interno la cappella Capponi, decorata da Pontormo e Bronzino nel XVI secolo. ‎Ma "sono in programma tanti piccoli 'camei', nella città, per dare un'idea di tutte le sfaccettature della nostra attività, in ambiti non solo di ricerca e sviluppo farmaceutico, ma come appunto l'arte - ha sottolineato Aleotti - la disabilità, lo sport, l'ambiente, il sociale, con la prossima consegna di alloggi popolari. Sarà inaugurata inoltre una mostra sulla storia di Menarini e Firenze".

Il gruppo farmaceutico e il capoluogo toscano "sono ormai legati - ha proseguito Aleotti - Anche se stiamo sempre più crescendo all'estero, come in Asia, cresciamo anche a Firenze: solo nella sede centrale dal 2009 a oggi abbiamo creato 200 nuovi posti di lavoro qualificati. Alimentiamo un indotto anche grazie alle persone che ci vengono a trovare da tutto il mondo. Abbiamo commissionato uno studio ad hoc sull'effetto economico dell'azienda sulla città e i dati preliminari sono davvero importanti".

"Quando nostro padre entró in azienda con questa filosofia, nel 1964 - racconta ancora Aleotti - Menarini aveva solo 188 dipendenti, oggi è una multinazionale di oltre 16.000 dipendenti. Io e mio fratello Alberto Giovanni portiamo avanti questa stessa grande tradizione: radici solide nella nostra città ed espansione nel mondo, dove siamo già presenti in oltre cento Paesi. Questa la ragione per cui abbiamo deciso di celebrare i nostri 100 anni fiorentini. Guardiamo al futuro della ricerca con progetti nella medicina personalizzata e stiamo andando verso la direzione in cui per diagnosticare un tumore basterà un'analisi del sangue, senza biopsie, che dirà anche di che tipo di cancro s‎i tratta dal punto di vista genetico e quale farmaco funziona per quel singolo caso".

"Firenze è orgogliosa di avere sul proprio territorio un’industria dell’importanza di Menarini - ha detto il sindaco Dario Nardella - ‎che da cent’anni è presente in questa città. Un’azienda che nel corso del tempo si è distinta non solo per la sua attività in campo scientifico, ma anche per la sua attenzione nei confronti della città. Un interesse mostrato sia dal punto di vista sociale, basta ricordare il progetto di riqualificazione di edilizia popolare promosso dalla stessa Menarini, sia in campo culturale con la cura di volumi monografici dei grandi artisti italiani, come quest’ultimo dedicato al Pontormo" .

"Il libro, al pari della mostra di Palazzo Strozzi del 2014 - spiegano Natali e Falciani - ‎aspira a offrire una lettura del linguaggio figurativo del Pontormo e dei contenuti delle sue opere svincolata dai molti luoghi comuni che hanno condizionato lo sguardo critico del Novecento sull’artista, sulla sua indole, sulle sue idee e sulle sue scelte espressive. In questa monografia, nel novero di quelle che Menarini dedica meritoriamente alla storia dell'arte, è stato per noi possibile tirare le somme d’indagini su Jacopo e sui suoi contemporanei condotte in libertà di pensiero da lungo tempo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.