Home . Salute . Farmaceutica . Cresce la povertà sanitaria: 1 italiano su 3 non può comprare i farmaci

Cresce la povertà sanitaria: 1 italiano su 3 non può comprare i farmaci

FARMACEUTICA
Cresce la povertà sanitaria: 1 italiano su 3 non può comprare i farmaci

(Fotogramma)

Aumenta la 'povertà sanitaria' nel nostro Paese, ovvero il numero di persone e famiglie che non hanno abbastanza risorse a disposizione per acquistare i farmaci da banco necessari - antinfiammatori, antipiretici, prodotti contro tosse o raffreddore - o per pagare il ticket, quando c'è. Complessivamente gli italiani poveri sono 4,6 milioni, quasi 500mila in più dello scorso anno, e i costi dei medicinali rappresentano, per questa parte della popolazione, una voce particolarmente pesante: tra gli indigenti quasi 6 euro di spesa su 10 finiscono in farmaci, contro meno di 4 euro spesi in media. Ed è cresciuta quest'anno dell'8,3% la richiesta di medicinali da parte dei 1.663 enti assistenziali (+1,3% rispetto allo scorso anno) sostenuti da Banco Farmaceutico, per un totale di 557mila persone assistite, il 37% in più del 2015, ma che rappresentano però solo il 12% dei poveri italiani.

I numeri del Rapporto 2016 sulla povertà sanitaria indicano che, dopo il calo registrato nell'anno precedente, la povertà assoluta torna a crescere, passando dal 5,7% al 6,1% delle famiglie italiane. E la mancanza di risorse penalizza soprattutto la salute. Rispetto al totale della spesa media mensile, nelle famiglie non povere si destina il 4,4% del budget domestico per curarsi, mentre in quelle povere si scende al 2,6%. All'interno di questa spesa, le persone povere destinano 72,60 euro all'anno pro capite per comprare farmaci (in media se ne spendono 268,80).

Ma le difficoltà non sono solo dei poveri: oltre 12 milioni di italiani hanno dovuto limitare il numero di visite mediche o gli esami di accertamento per motivazioni di tipo economico.

In 3 anni - indica il Rapporto del Banco Farmaceutico - la richiesta di farmaci è salita del 16%, a fronte del costante aumento degli indigenti assistiti. Gli aumenti maggiori si evidenziano al Nord Ovest (+90%) e al Centro (+84%). La crescita più significativa è tra gli stranieri (+46,7%), i maschi (+49%) e le persone sopra i 65 anni di età (+43,6%).

Il Banco offre il suo aiuto soprattutto attraverso i medicinali raccolti nella Giornata di raccolta del farmaco, il 13 febbraio. Nel 2016 all'iniziativa hanno aderito 3.681 farmacie, con una crescita del 10% in 3 anni, anche se nell'ultimo anno se ne sono aggiunte solo 16. Resta prevalente la presenza di farmacie del Nord Italia, che da sole coprono circa i 2/3 del totale degli aderenti. Complessivamente nelle farmacie sono state raccolte circa 354mila confezioni, in crescita nel triennio (+1,4%) ma in sostanziale pareggio rispetto allo scorso anno. Anche la spesa complessiva risulta uguale a quella dello scorso anno (circa 2,3 milioni) con un valore per confezione di 6,4 euro. Campione di raccolta è stata la Lombardia con quasi 103mila confezioni. Come già accaduto negli scorsi anni, anche nella Giornata della raccolta del farmaco le 3 categorie di farmaci più donate sono stati gli analgesici e antipiretici (33,2%), gli antinfiammatori orali (12,3%) e i preparati per tosse e raffreddore (6,8%).

Il Rapporto 2016, 'Donare per curare: povertà sanitaria e donazione farmaci', è promosso da Fondazione Banco Farmaceutico onlus e BFResearch e realizzato con il sostegno di Ibsa dall'Osservatorio donazione farmaci di Banco Farmaceutico. Si è avvalso, inoltre, del contributo del comitato scientifico composto da Ufficio nazionale per la pastorale della Salute Cei, Acli, Associazione medicina e persona, Unitalsi, Caritas Italiana.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI