Home . Salute . Farmaceutica . Al PoliMi nuovo nanovettore d'oro, antitumorali solo dove serve

Al PoliMi nuovo nanovettore d'oro, antitumorali solo dove serve

FARMACEUTICA
Al PoliMi nuovo nanovettore d'oro, antitumorali solo dove serve

(Fotogramma)

Arriva dal Politecnico di Milano un nanovettore d'oro che apre una nuova frontiera per le cure anticancro. Immaginiamo un farmaco molto potente, addirittura tossico per gli organi sani, capace di 'consegnare' il suo principio attivo solo dove serve, ad esempio un tumore. Il risultato è un'azione terapeutica più efficace, veloce e sicura. "E' il futuro della farmacologia, oggi un po' più vicino grazie a un innovativo nanovettore per il rilascio intracellulare selettivo di farmaci", annuncia il PoliMi.

"Si tratta di una sorta di capsula - spiegano dall'ateneo di piazza Leonardo da Vinci - capace di viaggiare intatta nel circolo sanguigno e 'rompersi' rilasciando il farmaco solo una volta individuate le cellule da trattare". Una caratteristica "garantita dalla presenza sulla capsula di un film della proteina idrofobina, che viene rotto solo quando il nanovettore entra nelle cellule e incontra il glutatione, un antiossidante della cellula, determinando così il rilascio della molecola curativa".

Il nanovettore, precisano dal Politecnico, "è costituito da una miriade di nanoparticelle d'oro che vengono assemblate in aggregati di dimensioni maggiori, chiamati supraparticelle, attraverso un film di idrofobina che le circonda, proprio come se fosse una bolla di sapone riempita di nanoparticelle".

Grazie a queste caratteristiche, descrivono ancora all'ateneo, la 'navicella' risulta quindi dotata di "eccellente stabilità nei fluidi biologici" e "può incapsulare elevate quantità di farmaci nello spazio disponibile all'interno della bolla". Ciò offre "l'opportunità di unire le proprietà di materiali inorganici (nanoparticelle d'oro) con quelle di materiali (bio)organici, fornendo un nanovettore ibrido e biocompatibile", evidenziano gli esperti del PoliMi.

La scoperta è stata pubblicata sulla rivista della Società chimica americana 'ACS Nano' da Francesca Baldelli Bombelli e Pierangelo Metrangolo del Laboratorio interdipartimentale di nanomedicina (NanoMedLab) del Politecnico, ed è stata eseguita in collaborazione con l'Istituto Mario Negri, partner strategico del Politecnico.

"L'efficacia del nuovo sistema di rilascio modificato di farmaci, noto come drug delivery - concludono gli autori - è stata dimostrata utilizzando un farmaco antitumorale particolarmente efficace, ma anche tossico e di cui quindi va controllato il rilascio solo nella zona da trattare".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI