Home . Salute . Medicina . La mamma di Charlie: "Stanno per staccargli la spina"

La mamma di Charlie: "Stanno per staccargli la spina"

MEDICINA
La mamma di Charlie: Stanno per staccargli la spina

(Foto da Twitter)

Connie Yates, la mamma di Charlie "ci ha chiesto aiuto, dice che dall'ospedale stanno per staccare le macchine che tengono in vita il bambino. Già stasera o forse domani". A dirlo all'Adnkronos Salute è Piero Santantonio, presidente dell'associazione Mitocon onlus, in contatto con la mamma e la zia del bimbo. "Mitocon insieme alla mamma ed al papà di Charlie fa dunque appello alle autorità del Regno Unito ed ai medici dell’ospedale Gosh affinché sospendano ogni iniziativa di attuare i disposti della sentenza e chiede che sia assicurata ogni cura al piccolo affinché gli sia concesso di poter essere sottoposto alla terapia sperimentale i cui dettagli saranno resi noti a brevissimo".

Mitocon, associazione delle famiglie e dei pazienti mitocondriali italiana, in questi giorni è stata in contatto costante con la famiglia di Charlie Gard e con l’equipe internazionale di scienziati che sta lavorando sulle sindromi da deplezione del Dna mitocondriale, e nello specifico su quelle indotte dalla mutazione RRM2B, che ha colpito il piccolo Charlie. "Vogliamo informare tutti coloro che in queste settimane hanno seguito e seguono con apprensione la vicenda del bambino inglese che oggi pomeriggio si è tenuta una riunione tra i medici ed i ricercatori dell’equipe internazionale e tra poche ore - dice il presidente - sarà resa nota una posizione ufficiale rispetto alle possibilità terapeutiche percorribili per il piccolo Charlie".

In particolare "sono stati riconsiderati una serie di dati di efficacia della terapia nucleosidica che ha già dato dimostrazione di efficacia in un numero significativo di casi clinici trattati, con particolare riferimento ai risultati che dimostrano la possibilità dei nucleosidi di superare la barriera ematoencefalica. In base a queste ulteriori e nuove valutazioni il gruppo di lavoro è dunque giunto alla conclusione che la terapia nucleosidica possa essere efficace nel caso del piccolo Charlie. Abbiamo informato la famiglia Gard degli esiti di questa riunione - scrive l'associazione - e del fatto che a breve verrà pubblicato uno statement scientifico che farà il punto su questo argomento".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI