Home . Salute . Medicina . Dal trapianto delle cellule staminali pluripotenti indotte la cura per le malattie della retina

Dal trapianto delle cellule staminali pluripotenti indotte la cura per le malattie della retina

A Roma esperti in oftalmologia riuniti per il Simposio Ri.Med 'Restoration of Vision'

MEDICINA
Dal trapianto delle cellule staminali pluripotenti indotte la cura per le malattie della retina

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Un trattamento per la degenerazione maculare senile tramite il trapianto (autologo e da donatore) di cellule epiteliali del pigmento retinico derivato dalle cellule Ips (cellule staminali pluripotenti indotte). E' quanto mira a sviluppare Masayo Takahashi, Project Leader Riken Center for Development Biology, Kobe City Medical Center General Hospital (Japan), che ha illustrato i risultati del suo lavoro in questo campo in occasione del XI Simposio 'Restoration of Vision', organizzato dalla Fondazione Ri.Med, in collaborazione con l'Istituto la Vision di Parigi e la School of Medicine dell'Università di Pittsburgh, che si conclude oggi a Roma al Palazzo dell'Informazione.

"Abbiamo effettuato la prima applicazione di cellule Ips nel 2014, su un paziente affetto da degenerazione maculare senile - spiega all'AdnKronos la ricercatrice giapponese - Le cellule sono state prelevate dalla cute e successivamente trasformate in Ips e apposte al tessuto retinico. Oggi - sottolinea - effettuiamo ricerche cliniche per il trapianto allogenico utilizzando cellule derivate da staminali di un donatore. Il nostro obiettivo - conclude - è dimostrare la sicurezza ed efficacia di questa procedura per la cura delle malattie della retina".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI