Home . Salute . Sanità . Morti di parto. Per Iss "50 decessi materni l'anno in Italia"

Morti di parto. Per Iss "50 decessi materni l'anno in Italia"

SANITÀ
Morti di parto. Per Iss 50 decessi materni l'anno in Italia

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA NUOVA PIATTAFORMA DI MONITORAGGIO DEI RISCHI DI ERRORE IN SALA PARTO ALL' OSPEDALE SACCO. NELLA FOTO LA SALA ECOGRAFIE CON L' ECOGRAFO IN FUNZIONE (Nicola Marfisi / Fotogramma, MILANO - 2010-10-29)

"Sono 50 l'anno i decessi materni in Italia, pari a 10 casi ogni 100 mila nascite. Casi rari e distribuiti in maniera capricciosa. Il fatto che in questi ultimi giorni se ne siano concentrati 5 è solo un caso e va interpretato in questa logica, ce lo dice l'analisi statistica del passato. Le donne che sono in gravidanza o stanno per partorire non devono allarmarsi o stare in ansia, perché questo non fa bene". Lo ribadisce all'Adnkronos Salute Serena Donati, ricercatrice del Centro nazionale epidemiologia e sorveglianza per la promozione della Salute della donna e dell’età evolutiva de ll’Istituto superiore di sanità (Iss).

Sono cinque i casi, concentrati in pochi giorni, di decessi in ospedale di donne in gravidanza. "Sono numeri compatibili con quello che ci dice il nostro sistema di sorveglianza. Abbiamo una media di decessi materni bassissima anche rispetto a Paesi come gli Usa e certificato anche dall'Organizzazione mondiale della sanità". In merito alla proposta avanzata dalla presidente della Commissione sanità del Senato, Emilia Grazia De Biasi, di istituire un registro dei decessi materni all'Iss, la Donati replica che in effetti questo "c'è già, ed è assolutamente meglio un sistema di sorveglianza come quello che abbiamo all'Iss rispetto ad un registro. Noi raccogliamo i dati e li leggiamo in maniera critica, cerchiamo di capire le strategie da mettere in campo e aiutiamo all'elaborazione di linee guida e protocolli".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI