Home . Salute . Sanità . Studenti delle superiori in 'stage' a centro anziani, i pazienti migliorano

Studenti delle superiori in 'stage' a centro anziani, i pazienti migliorano

SANITÀ
Studenti delle superiori in 'stage' a centro anziani, i pazienti migliorano

Studenti delle scuole superiori in 'stage' in una residenza sanitaria-assistenziale, dove incontrano gli anziani ospiti, parlano e interagiscono con loro, con uno straordinario risultato di scambio interpersonale e anche di riattivazione psichica negli 'over 65' ospiti della struttura. E' il progetto portato avanti dal Centro geriatrico 'Merry House ', in collaborazione con l'Istituto professionale socio-sanitario 'Giulio Verne' di Acilia (Roma), e che ha già coinvolto 16 ragazzi del quarto anno.

"Gli studenti, suddivisi in gruppi da quattro - spiega all'Adnkronos Salute Guido Lanzara, direttore sanitario di 'Merry House', centro polispecialistico che conta circa 200 posti letto - hanno la possibilità di condurre e sperimentare, per un totale di 6 settimane, la 'vita di reparto', in un Rsa che ospita soprattutto pazienti con demenza senile. Nell'ambito dei progetti scuola-lavoro è il primo in campo sanitario".

"Negli ultimi anni ci siamo chiesti cosa fosse possibile fare in più rispetto alla gestione 'di base' dei nostri pazienti: abbiamo deciso di sperimentare una convenzione con l'istituto professionale socio-sanitario di Acilia (con studenti dai 13 ai 19 anni), portando i ragazzi in un ambiente comunque protetto, ma guidandoli in un percorso di crescita", racconta.

"La mattina dalle 8.30 alle 13.30 - prosegue Lanzara - gli studenti vengono da noi, fanno un 'briefing' con i nostri specialisti e poi si dedicano ai pazienti. E' stato incredibile vedere come giovani tutti 'chat e smartphone', e a prima vista poco interessati alla vita, abbiano invece abbandonato subito il telefonino e si siano gettati a capofitto nella relazione con gli anziani, proponendo idee, instaurando dialoghi, portando fotografie".

Da parte loro, gli anziani ospiti della Rsa sono rifioriti: "Sotto il profilo tecnico i livelli di riattivazione psichica sono stati superlativi. Pazienti da tempo 'lontani' dalla realtà, privi di stimoli, hanno ritrovato nuova energia, si sono legati ai ragazzi, li cercano, si vestono a tono per accoglierli. Un circuito virtuoso che ci porta ad avere l'obiettivo di estendere questo bellissimo progetto di 'enclave' di affetto familiare", conclude il medico.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI