Home . Salute . Sanità . Se un pioppo diventa 'oro verde' per la ricerca. L'operazione del Policlinico di Milano

Se un pioppo diventa 'oro verde' per la ricerca. L'operazione del Policlinico di Milano

SANITÀ
Se un pioppo diventa 'oro verde' per la ricerca. L'operazione del Policlinico di Milano

(Foto: Fondazione Sviluppo Ca' Granda)

Il pioppo da taglio diventa 'benzina verde' che alimenta la ricerca. Nasce dal recupero di una vecchia tradizione la nuova mission degli alberi del Policlinico di Milano. La Fondazione Sviluppo Ca' Granda, artefice dell'operazione, li ha già ribattezzati i 'pioppi della ricerca'. Sono 2.394 - cresciuti nella provincia di Lodi - e l'ente che ha in gestione il maxi patrimonio rurale dell'Irccs di via Sforza ne ha aggiudicato la vendita per 92.352 euro, di cui 46.176 saranno devoluti all'attività scientifica del Policlinico e l'altra metà agli affittuari, come previsto dai contratti in essere.

Da sempre la coltivazione di pioppi da taglio ha caratterizzato l'agricoltura lombarda, spiegano dalla Fondazione. Per il contadino tutti gli spazi dovevano essere funzionali a una precisa finalità economica. E i pioppi sono alberi 'utili': crescono velocemente, sono resistenti e si integrano facilmente con altri impieghi della terra, ideali per la zootecnia e per l'agricoltura. Così si radicò la tradizione - nelle cosiddette tare, le zone in cui non era possibile seminare riso, mais e frumento - di coltivare pioppi. Una prassi che si è tramandata anche nei contratti di affitto stipulati dal Policlinico: nelle vecchie carte l'ospedale doveva fornire un certo numero di pioppelle agli affittuari che si facevano carico della loro coltivazione. Una volta maturi, i pioppi venivano venduti e i proventi suddivisi equamente tra conduttore e proprietà.

I nuovi contratti di affitto non prevedono più questa clausola, ma siccome nel passato le vendite dei pioppi non sono state effettuate, la Fondazione Sviluppo spiega di aver provveduto ad adempiere questo obbligo contrattuale, indicendo lo scorso 21 settembre un bando dedicato "che prevede ferree regole di tutela ambientale", con i conduttori tenuti a impiantare nuovi pioppi in sostituzione di quelli tagliati.

Oggi l'aggiudicazione degli oltre 2 mila alberi alle ditte Casilegnami di Offanengo (Cremona) e Toninelli di Somaglia (Lodi). Tre i risultati raggiunti, elenca la Fondazione Sviluppo: "La destinazione della spettante quota di vendita di 46.176 euro alla ricerca del Policlinico; una regolarizzazione amministrativa del patrimonio rurale di proprietà del Policlinico affidato in gestione a Fondazione Sviluppo, e infine, prevedendo il rimpianto di nuovi pioppi, un contributo alla salvaguardia ambientale".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI