Home . Salute . Sanità . Da inizio influenza a letto 3 milioni di italiani ma casi in calo

Da inizio influenza a letto 3 milioni di italiani ma casi in calo

SANITÀ
Da inizio influenza a letto 3 milioni di italiani ma casi in calo

(Fotogramma)

Diminuisce ancora, anche se lievemente, il numero di casi settimanali di influenza in Italia, "dopo aver raggiunto il picco stagionale con 9,55 casi per mille assistiti nell'ultima settimana del 2016". E' quanto emerge dall'ultimo bollettino della rete Influnet che per la settimana dal 9 al 15 gennaio stima circa 514mila casi (erano circa 550mila nella settimana precedente). Dall'inizio della sorveglianza, l'influenza ha messo a letto quasi 3 milioni di italiani (il totale stimato dei casi è circa 2,9 mln).

L'incidenza nel Belpaese è pari a 8,47 casi di sindromi influenzali per mille assistiti. La fascia d'età maggiormente colpita è quella dei bambini al di sotto dei 5 anni, con un'incidenza pari a 15,22 casi per mille assistiti. Ma è proprio in questa fetta di popolazione che si è registrato il maggior calo di casi rispetto alla settimana precedente. Mentre l'incidenza nelle altre fasce d'età "è rimasta pressoché stabile": 8,74 casi per mille assistiti tra i 5 e i 14 anni; 8,70 nella fascia 15-64; 6,02 negli over 65.

"In tutte le regioni italiane è in corso il periodo epidemico", si legge nel report realizzato sulla base dei dati inviati dalla rete dei medici sentinella, coordinata dall'Istituto superiore di sanità. In Piemonte, Val d'Aosta, provincia autonoma di Trento, Emilia Romagna, Marche, Lazio, Campania, Basilicata e Sardegna l'incidenza osservata è pari o superiore a 10 casi per mille assistiti. Gli esperti precisano che "l'incidenza osservata in alcune regioni è fortemente influenzata dal ristretto numero di medici e pediatri che hanno inviato al momento i loro dati".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.