Vaccini, esperto: pediatra figura di riferimento famiglie contro fake news /Video

"E' molto importante non solo che il pediatra conosca i vaccini, ma anche che sappia comunicare con le famiglie, perché la comunicazione oggi è diventata una professione a se stante. C'è molta domanda di informazione, di chiarimenti, per cui il pediatra nel suo bagaglio professionale oggi deve aggiungere anche le capacità comunicative". Lo afferma all'Adnkronos Salute Pier Luigi Lopalco, professore ordinario di Igiene, Università di Pisa, in occasione del XI congresso nazionale Fimp - Federazione italiana medici pediatri, in corso a Roma (VIDEO).

"Il pediatra svolge un ruolo centrale nella comunicazione con le famiglie - sottolinea - è la figura di riferimento, la prima persona a cui chiedere consiglio riguardo alle vaccinazioni e alle malattie infettive. Purtroppo - rileva Lopalco - oggi il pediatra deve anche contrastare la disinformazione sulle vaccinazioni che corre soprattutto sui social media. C'è tanta disinformazione sulla sicurezza dei vaccini che è stata 'postata' sui social ad arte, per confondere le famiglie. Un fenomeno drammatico, soprattutto fino a qualche anno fa, perché la maggior parte delle informazioni che si trovavano sul web sui vaccini erano sbagliate, così da creare confusione in tanti genitori".

"Fortunatamente - prosegue - negli ultimi anni l'aria è un po' cambiata. Oggi per esempio professori universitari che fino a pochi anni fa non pensavano minimamente di farlo, aprono pagine Facebook per dare informazioni sui vaccini. E lo fanno con grande successo. Così come lo fanno pediatri, igienisti, sanitari che si sono lanciati in questa sfida".