Home . Salute . Sanità . Tetano, virologo: "Spore ovunque, vaccino unica arma"

Tetano, virologo: "Spore ovunque, vaccino unica arma"

SANITÀ
Tetano, virologo: Spore ovunque, vaccino unica arma

(Fotogramma)

"Le spore del batterio del tetano sono dovunque, quindi qualunque ferita è a rischio" di causare questa "infezione pericolosissima" contro cui "non esiste immunità naturale. Neanche chi l'ha avuto ed è guarito è protetto" nei confronti del tetano. "L'unico modo in cui si può essere protetti è grazie alla vaccinazione che non ha efficacia perpetua: per questo è indispensabile sottoporsi ai richiami nei tempi prescritti". Lo spiega Roberto Burioni, virologo 'social', dopo il caso della bimba di 7 anni - non vaccinata - ricoverata con forte sospetto di tetano all'ospedale Regina Margherita di Torino.

"Detergere con l'acqua ossigenata la ferita non mette al sicuro" dal tetano, avverte l'esperto su Facebook, mentre "il vaccino è sicuro quanto nessun altro farmaco al mondo. E' in uso dal 1938 ed è stato somministrato a centinaia di milioni di persone dimostrando grande efficacia". L'esperto dell'università Vita-Salute San Raffaele di Milano precisa che "l'uomo non ha alcun ruolo nella diffusione della malattia, per cui se non vi fate i richiami o non vaccinate vostro figlio non mettete in pericolo nessuno, se non voi stessi o vostro figlio".

In altre parole, esemplifica Burioni, "è come il casco quando si guida la moto. E' obbligatorio (e anche vostro figlio deve metterlo se guida il motorino) perché lo Stato deve proteggere gli individui, soprattutto se minorenni, anche dalla propria fessaggine. Ovviamente non c'è nessuna 'emergenza tetano', così come non c'è nessuna 'emergenza casco'. Così come ci sono degli sciocchi che non mettono il casco in moto e muoiono, allo stesso modo ci sono sciocchi che non si vaccinano contro il tetano e muoiono. Spiace quando chi si ammala è una bambina di 7 anni che dovrebbe essere protetta dai suoi genitori. Per fortuna - conclude il virologo - che adesso c'è una legge".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI