Home . Salute . Sanità . Leonardo Del Vecchio: "Per l'Ieo ho lo stesso sogno di Umberto Veronesi"

Leonardo Del Vecchio: "Per l'Ieo ho lo stesso sogno di Umberto Veronesi"

SANITÀ
Leonardo Del Vecchio: Per l'Ieo ho lo stesso sogno di Umberto Veronesi

Il patron di Luxottica, Leonardo Del Vecchio (Fotogramma)

"Dare vita a un campus di ricerca e cura a Milano in linea con le più avanzate esperienze internazionali, attento ai talenti, all'indipendenza della ricerca, ai pazienti e alle loro famiglie, ai giovani, alla città". Nel progetto per l'Istituto europeo di oncologia descritto dal patron di Luxottica Leonardo Del Vecchio all'AdnKronos Salute rivive il sogno di Umberto Veronesi, fondatore dell'Ieo, morto nel novembre 2016 senza veder realizzare il Cerba (Centro europeo di ricerca biomedica avanzata) tanto desiderato. "Una sorta di Nih italiani", ripeteva l'oncologo, un polo sul modello dei National Institutes of Health americani.

"Sapevo dei pensieri del professor Veronesi e del dottor Cuccia - racconta Del Vecchio, intercettato oggi all'uscita della sede di Luxottica, all'indomani della presentazione dei conti semestrali del gruppo - Ho lo stesso sogno e sarò felice di mettere a disposizione le risorse per realizzarlo".

Nelle prime indiscrezioni sul piano, che coinvolgerebbe terreni intorno all'Ieo nella zona Sud del capoluogo lombardo, si è fatto riferimento a un investimento da 500 milioni di euro. C'è la disponibilità a finanziare l'intero importo? "La mia Fondazione (Fondazione Leonardo Del Vecchio, costituita quest'anno dal presidente e socia di Ieo con il 18,46%, ndr) - risponde l'ex Martinitt - non farà mancare nel caso tutte le risorse necessarie alla realizzazione del progetto e allo sviluppo futuro di Ieo e Monzino", il centro cardiologico che è parte del gruppo Ieo.

C'è attesa per la presentazione del progetto al Cda del gruppo Ieo-Monzino, ma a quanto risulta non c'è ancora la richiesta di convocazione per un'eventuale riunione straordinaria. "Fateci lavorare ancora un po'. Stiamo definendo i dettagli - precisa Del Vecchio - presenteremo il piano quando sarà pronto".

Anche se l'imprenditore ammette di averne parlato. "Nel rispetto istituzionale - afferma - la prima persona a cui ho mostrato il progetto e manifestato le mie intenzioni è stato proprio il presidente dell'Ieo Carlo Cimbri. Saremo aperti al contributo dei soci per migliorarlo", assicura Del Vecchio, che conclude con un auspicio: "Mi auguro che tutti possano cogliere il senso del progetto e la voglia che ho di far del bene ai due istituti e alla città".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.