Home . Salute . Sanità . 'Medici fantasma', protesta alla Sapienza contro numero chiuso

'Medici fantasma', protesta alla Sapienza contro numero chiuso

Nel giorno del test d'ingresso

SANITÀ
'Medici fantasma', protesta alla Sapienza contro numero chiuso

Protesta contro il numero chiuso a Medicina alla Sapienza/

Adnkronos Salute

E' il giorno dei test d’ingresso alle Facoltà di Medicina e Chirurgia e scattano le poteste contro il numero chiuso. All’Università Sapienza di Roma tre diversi striscioni e una cinquantina di ragazzi si sono dati appuntamento davanti una delle sedi della prova, l'aula di Ortopedia. "Medici fantasma. Chi si cura del Sistema sanitario nazionale" è lo striscione di Link Coordinamenti studentesco. "18 anni di numero chiuso, 1 milioni di studenti non festeggia" è lo slogan scelto dall’Unione degli universitari, con tanto di regali impacchettati sulle davanti l’ingresso dell’aula di Ortopedia. "Test d’ingresso: una selezione di classe" è invece lo striscione del Fronte della Gioventù comunista di Roma.

"Ancora una volta i test d'ingresso lasceranno fuori 60 mila candidati con la retorica del 'non possono fare tutti il medico' - spiega all’Adnkronos Salute Alessio Angelucci, segretario del Fronte della Gioventù comunista di Roma - La dialettica del merito è una illusione: non c’è nessuna equità in queste prove". Per Alessio Bottalico, coordinatore di Link, oggi con camice bianco e il volto dipinto dello stesso colore per ricordare i tanti colleghi 'fantasma', in questo modo "abbiamo posto l’attenzione sul numero chiuso e su come impatta sul numero dei medici: colpa di pochi investimenti sul Ssn e delle carenze delle borse di specializzazione. Un doppio imbuto per tanti ragazzi".

Oggi saranno 67.005 i candidati che si contenderanno a livello nazionale 9.779 posti. Giovani aspiranti dottori che dovranno rivaleggiare per 1 posto ogni 6 candidati.

"Quest’anno il numero chiuso compie 18 anni - afferma Elisa Marchetti, coordinatrice nazionale dell’Unione degli universitari - ma a festeggiare saranno in pochi: gli ordini professionali che traggono vantaggio dal basso numero di laureati; i baroni e i rettori, che in questi anni hanno fatto di tutto per avallare questo sistema. Il numero chiuso va cancellato tanto a livello locale quanto a livello nazionale".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.