Home . Soldi . Economia . Fisco: Mef, su Tasi incertezza normativa, no sanzioni per errori acconto

Fisco: Mef, su Tasi incertezza normativa, no sanzioni per errori acconto

ECONOMIA

Sulla Tasi grava una situazione di ''incertezza normativa'', quindi è ''applicabile'' la norma contenuta nello statuto dei diritti del contribuente, secondo cui non sono irrogate sanzioni e interessi nel caso di errori. Lo comunica il sottosegretario al ministero dell'Economia, Enrico Zanetti, rispondendo a un'interrogazione presentata dal Pd, in commissione Finanze alla Camera, in cui si chiedono interventi normativi o di prassi per evitare sanzioni sui pagamenti errati dell'acconto Tasi. Nella risposta vengono prospettate diverse possibilità, partendo però dal presupposto che ''non può essere percorribile la via di un intervento di prassi normativa''.

Il sottosegretario ricorda che in situazioni analoghe, che si sono presentate nel passato (come il saldo Tares nel 2013 e la seconda rata Imu 2013), è stato il legislatore a intervenire. Inoltre nei confronti del contribuente che nel rispettare la scadenza della Tasi del 16 giugno, effettueranno per errore versamenti insufficienti ''trova applicazione l'istituto del ravvedimento operoso'' che consente il pagamento in misura ridotta della sanzione dovuta. ''Tuttavia, considerata la situazione di incertezza normativa che caratterizza il meccanismo del versamento della prima rata della Tasi -afferma Zanetti- si ritiene applicabile'' l'articolo contenuto nello statuto dei diritti del contribuente.

La norma prevede che ''non sono irrogate sanzioni né richiesti interessi moratori al contribuente'' qualora il suo comportamento ''risulti posto in essere a seguito di fatti direttamente conseguenti a ritardi, omissioni o errori dell'amministrazione stessa''. Le sanzioni, inoltre, non possono essere irrogate quando la violazione ''dipende da obiettive condizioni di incertezza sulla portata e sull'ambito di applicazione della norma tributaria''. Il governo assicura, infine, che ''monitorerà anche a consuntivo l'andamento generale dei versamenti dovuti al 16 giugno, in modo da verificare le eventuali problematiche a essi connesse''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.
TAG: mef, tasi