Home . Soldi . Economia . Il Casino' Campione d'Italia tocca quota mercato del 29,9%

Il Casino' Campione d'Italia tocca quota mercato del 29,9%

Pagan, tra competitor siamo struttura che fa registrare risultati migliori

ECONOMIA
Il Casino' Campione d'Italia tocca quota mercato del 29,9%

Il Casinò di Campione negli ultimi 4 anni ha visto una costante crescita delle quote di mercato (attualmente è al 29,9%) rispetto alle altre tre case da gioco italiane. Con circa 90 milioni di fatturato nel 2013 si posiziona inoltre al terzo posto nella classifica delle strutture iscritte all'Associazione europea casinò, preceduto da Barriere (Francia) e Montparnasse Regency (Grecia). Lo rende noto la stessa casa da gioco in un comunicato.

Sono i dati presentati dall'amministratore delegato del Casinò di Campione d'Italia, Carlo Pagan, in occasione della firma del 'Memorandum d'intesa per gli scambi e la cooperazione' tra il Comune dell'enclave italiana in Svizzera e la provincia cinese dello Shanxi, dove vivono 35 milioni di persone.

"Di fronte a una generale flessione del fatturato dei casinò in Italia - sottolinea Pagan - è necessario investire per attirare nuovi giocatori e inventare nuove strategie di marketing. La crescita delle quote di mercato del Casinò di Campione ha sterilizzato l'effetto della flessione, e tra i competitor siamo la struttura che fa registrare i risultati migliori". Negli ultimi 4 anni Campione è arrivato a toccare quota 29,9% del mercato. In discesa Venezia Cà Noghera (33,1%), così come Saint Vincent (22,2%) e Sanremo (14,8%), si legge nella nota.

La flessione del fatturato del Casinò di Campione è stata minore anche rispetto a quella registrata dalle principali case da gioco del Canton Ticino dal 2010 al 2013. Secondo il ranking dell'Associazione europea casinò, Campione si attesta quindi al terzo posto tra le case da gioco iscritte in Europa. La francese Barriere è prima con 154 milioni di fatturato nel 2013, seguita da Montparnasse Regency (92 milioni) e Campione (90 milioni). Segue poi Venezia Cà Noghera (88 milioni) e il greco Loutraki (80 milioni).

"Abbiamo migliorato il conto economico di 35 milioni in quattro anni - prosegue Pagan - attraverso l'aumento delle quote di mercato e i tagli nei costi per il personale e gestionali. Abbiamo chiuso il 2013 con 20 milioni di utile facendo i salti mortali. Non crediamo a critiche che possono essere smentite - prosegue - se vogliamo lottare per mantenere in piedi il 'Sistema Campione' dobbiamo serrare le fila".

Sottoscritto accordo Campione d'Italia e provincia cinese Shanxi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.