Home . Soldi . Economia . Sono più di un milione le segnalazioni di denuncia degli evasori fiscali e valgono 165 mln di euro

Sono più di un milione le segnalazioni di denuncia degli evasori fiscali e valgono 165 mln di euro

ECONOMIA
Sono più di un milione le segnalazioni di denuncia degli evasori fiscali e valgono 165 mln di euro

(Iinfophoto)

Ci sono gli italiani che evadono, ma anche i cittadini onesti. Pronti a denunciare chi non paga le tasse. Sono oltre un milione le segnalazioni online, per un valore non dichiarato che supera i 165 mln. A tenere la contabilità è il sito evasori.info, i cui dati, rielaborati dall'Adnkronos, fotografano il fenomeno in tempo reale attraverso le denunce spontanee: alle 16 del 10 ottobre sono 1.055.082 per 164.860.730 euro, in costante crescita.

Nel mirino dei cittadini finiscono i comportamenti quotidiani, spesso all'insegna dell'evasione totale: dal caffé al bar alla cena al ristorante, passando per le prestazioni di dentisti, idraulici ed elettricisti, concessionari e meccanici auto e moto. Il sommerso, in termini di valore non dichiarato, riguarda principalmente studi legali, avvocati e notai (35,8%), oltre a medici e dentisti (7,4%). Da una parte le parcelle non fatturate, spesso pagate cash. Dall'altra, interi piani tariffari che possono essere declinati secondo il doppio binario: migliaia di euro con regolare fattura, oppure migliaia di euro, ma un po' di meno, con una qualche fattura ogni tanto.

Quanto, invece, al numero di segnalazioni, il primato spetta a bar (33,2%) e ristoranti (12,2%): il caffè e cornetto, per iniziare la giornata, senza scontrino; la pizzeria che scrive il conto a penna direttamente sulla tovaglia di carta.

Il sommerso, in termini di valore non dichiarato, riguarda principalmente le seguenti categorie:

1) studi legali, avvocati e notai 35,8%

2) medici e dentisti 7,4%

3) ristoranti 5,9%

4) bar 5,2%

5) immobiliari 5,6%

6) servizi alla persona 5,2%

Questa la distribuzione delle segnalazioni per categoria:

1) bar 33,2%

2) ristoranti 12,2%

3) alimentari, bevande e tabacchi 9,6%

4) servizi per la persona 9,2%

5) ambulanti 4,4%

I maggiori evasori risultano, nell'ordine:

1) servizi finanziari in provincia di Como

2) immobiliari in provincia di Milano

3) medici e dentisti in provincia di Roma

4) medici e dentisti in provincia di Napoli

5) rivenditori e meccanici auto e moto in provincia di Roma

6) pubblicitari in provincia di Roma

7) ristoranti in provincia di Milano

8) immobiliari in provincia di Roma

9) bar in provincia di Roma

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI