Home . Soldi . Economia . Steve Jobs continua a fare centro anche dopo la morte, ha vinto 141 brevetti solo dal 2011

Steve Jobs continua a fare centro anche dopo la morte, ha vinto 141 brevetti solo dal 2011

Indagine Mit Technology Riview, sono solo quelli ufficialmente riconosciuti ma accreditati sono 458

ECONOMIA
Steve Jobs continua a fare centro anche dopo la morte, ha vinto 141 brevetti solo dal 2011

Steve Jobs continua a vincere. Da quando è morto a Palo Alto il 5 agosto del 2011 a causa di un cancro al pancreas, il fondatore della Apple si è visto riconoscere ben 141 brevetti, ben più di quanti molti inventori ne hanno vinto in tutta la loro vita. Ma non solo, perchè questi sono solo i brevetti ufficialmente riconosciuti a Jobs dall'ottobre del 2011 ad oggi. Stando ad un'indagine appena pubblicata dal Mit Technology Review, infatti, sono stati accreditati a Jobs un totale di 458 brevetti. Jobs, riferisce il Mit Technology Review, "è stato strettamente coinvolto nello sviluppo di molti prodotti Apple e alcune delle sue invenzioni stanno ancora seguendo l'iter di esame dell'US Patent and Trademark Office.

Un grand numero di questi riflettono gli intensi sforzi di Apple per brevettare ogni particolare dei suoi prodotti, non importa quanto piccolo, una impostazione che Jobs stesso aveva incoraggiato". "Nel complesso, -riferisce l'indagine- un terzo delle 458 invenzioni e disegni accreditati a Jobs sono stati brevettati e approvati ufficialmente da quando è morto. I documenti dei brevetti di Jobs rappresentano un record della storia di Apple, da quando era una startup a quando è diventata una delle maggiori imprese del mondo". Il primo brevetto conquistato da Steve Jobs, vinto nel 1983, si titolava semplicemente "Personal Computer", mentre uno dei più recenti, presentato dopo la sua morte e approvato nel mese di agosto scorso, riguarda la progettazione dell'iconico cubo di vetro installato all'ingresso del negozio Apple sulla Fifth Avenue, a Manhattan", disegnato dallo stesso Steve Jobs e completato nel 2011.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.