Home . Soldi . Economia . Apple 'caccia' AT&T dal Dow Jones e si prepara al lancio dell'iWatch

Apple 'caccia' AT&T dal Dow Jones e si prepara al lancio dell'iWatch

ECONOMIA
Apple 'caccia' AT&T dal Dow Jones e si prepara al lancio dell'iWatch

La presentazione dell'iWatch

Quella di venerdì 6 marzo è stata una nuova giornata 'storica' per Apple: è stato infatti annunciato l'ingresso della società creata da Steve Jobs, quella con la più alta capitalizzazione al mondo (circa 740 miliardi di dollari), nel Dow Jones Industrial Average. E l'arrivo di Apple fra le 30 blue chip del listino (il 'gotha' delle aziende Usa) avviene peraltro a spese di un colosso della 'vecchia' imprenditoria Usa, AT&T, a lungo la più grande compagnia telefonica mondiale.

La promozione nel DJIA peraltro potrebbe dare nuovo slancio al titolo della casa di Cupertino, che nell'ultima seduta della settimana si è persino avvicinata a quota 130 dollari per azione, con un guadagno di circa l'80% sulle quotazioni di marzo 2014. Il 'merito' di questa corsa è anche ascrivibile ai risultati dell'ultimo trimestre, che hanno registrato utili per circa 18 miliardi di dollari, dato che potrebbe essere aggiornato nel primo trimestre del 2015 se avrà successo l'ultima scommessa della casa di Cupertino.

Lunedì prossimo infatti si alzerà il sipario sull'AppleWatch, il 'wearable' che si preannuncia come il prossimo grande dispositivo della azienda fondata da Steve Jobs. Annunciato lo scorso anno, l'AppleWatch sarà presentato come da tradizione a San Francisco, allo Yerba Buena Center for the Arts theater, alle 10 del mattino, quando in Italia saranno le 19. In questi mesi, dopo l'anteprima dello scorso anno, si sono inseguite le voci su caratteristiche e qualità del nuovo dispositivo, il primo a portare al 100 % la 'firma' di Tim Cook, l'erede di Jobs alla guida di Apple, e che vede l'incursione della società californiana nel mercato emergente della tecnologia indossabile.

Fra tante buone notizie un piccolo dispiacere per Apple. Slitta infatti a settembre l'uscita del maxi-iPad con schermo da 12,9''. Il tablet di casa Apple destinato a un'utenza business era previsto sul mercato a fine marzo, ma secondo quanto riportano il Wall Street Journal e Bloomberg, citando fonti provenienti dalla Cina, la data sarebbe stata cambiata a causa della necessità per Apple di integrare alcune funzionalità e apportare modifiche per utilizzare al meglio l'ampio schermo e ottimizzare il sistema operativo per il supporto di mouse e tastiera esterni.

Tra le novità che starebbero rallentando la produzione, oltre all'implementazione della porta Usb 3.0, ci sarebbe anche una funzione che permetterebbe di ricaricare molto più rapidamente l'Ipad di quanto finora possibile.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.