Home . Soldi . Economia . E' allarme fauna selvatica nelle campagne, Cia chiede intervento esercito

E' allarme fauna selvatica nelle campagne, Cia chiede intervento esercito

ECONOMIA
E' allarme fauna selvatica nelle campagne, Cia chiede intervento esercito

Gli agricoltori non ce la fanno più, ma anche i cittadini, ed è allarme fauna selvatica nei campi, nelle strade e nei centri abitati. A lanciare l'allarme 'ungulati', in particolare cinghiali, è il presidente nazionale della Cia, Dino Scanavino che invoca l'intervento dell'esercito di fronte a questa emergenza. "La situazione è fuori controllo e non governata. Si registrano incidenti ogni giorno e in diverse aree del Paese. Gli agricoltori contano danni e cercano rimedi estemporanei a spese loro. C’è un oggettivo problema di sicurezza, che intervengano le forze armate” sostiene Scanavino in una nota.

Gli agricoltori per proteggere i vigneti dagli attacchi degli ungulati costruiscono reticolati con tondini di ferro, che alle volte, neanche bastano. Ma soprattutto, non passa un giorno che non si registri uno o più incidenti stradali per gli attraversamenti incontrollati degli animali selvatici. Danni ingenti nelle campagne di quasi tutte le regioni italiane.

"La situazione -sostiene Scanavino- è grave, insostenibile e non governata. Sono anni che denunciamo ciò che si sta puntualmente verificando nel Paese, ma il fenomeno evidentemente è stato sottovalutato dalle Istituzioni. Aldilà di tutti 'i Piani' e le azioni che verranno pianificate con il tempo, ora c’è bisogno di un intervento immediato".

"Bisogna tener presente -continua Scanavino- che le esigenze degli agricoltori e dei cittadini non sono quelle del mondo venatorio, i due interessi vanno tenuti separati e distinti. Infatti, è impensabile affidare il 'governo' di una partita così complessa ai cacciatori".

"E’ scritto sulle norme che regolano l’attività venatoria che l’ispirazione è quella di tutelare la fauna selvatica, e tra l’altro gli agricoltori condividono l’impostazione di legge, ma in questa fase è in gioco una partita diversa, la sicurezza dei territori, delle aziende e delle persone. Da qui invoco un intervento statale. Le carni derivate dal 'piano di selezione' dell'esercito, dopo i dovuti controlli sanitari, -conclude il presidente della Cia- potrebbero essere destinate agli indigenti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.