Home . Soldi . Economia . Verso l'assemblea di Telecom, giochi aperti e contatti in corso

Verso l'assemblea di Telecom, giochi aperti e contatti in corso

ECONOMIA
Verso l'assemblea di Telecom, giochi aperti e contatti in corso

AFP PHOTO ERIC PIERMONT

"Contatti, a tutti i livelli, per superare una situazione che, al momento, presenta rischi per diverse parti in gioco". Fonti vicine al dossier descrivono così all'Adnkronos i lavori in corso in vista dell'assemblea di Telecom del 15 dicembre. "Se si sceglie di andare alla conta, la possibilità che la proposta di Vivendi possa essere bocciata è concreta" e, per questo, si spiega, "si stanno verificando diverse opzioni di compromesso". In sostanza, l'allargamento del cda a 17 membri e l'ingresso di 4 consiglieri espressione del socio francese potrebbe non passare se, come sembra probabile, la partecipazione in assemblea arrivasse vicina alla soglia del 60%, con tutti o quasi i fondi presenti. Il loro voto, secondo le indicazioni ricevute dai proxy advisor, sarebbe infatti contrario.

In questo scenario, è stata ventilata anche la possibilità che il gruppo guidato da Vincent Bollorè possa decidere di fare un passo indietro. Ma anche un uomo 'navigato' come Naguib Sawiris, amministratore delegato di Orascom ed ex patron di Wind, non crede che sia l'ipotesi più probabile. ''So per certo che Vivendi non lascerà", dice, prima di aggiungere che la sua carriera nelle telco "è finita" perché il mercato "è saturo e al momento non ci sono opportunità". Peraltro, vanno considerate anche le pressioni interne che Bollorè starebbe ricevendo, con i soci e il management convinti che l'investimento in Telecom debba trovare un'adeguata rappresentanza in cda.

In ballo c'è anche la possibilità che possano fare un passo indietro due consiglieri per fare spazio a due uomini francesi e indiscrezioni di stampa hanno evidenziato le posizioni di Flavio Cattaneo (Ad Ntv) e Laura Cioli (Ad Rcs). Ma, anche in questo caso, le fonti interpellate tendono a escludere che possano essere formalizzate dimissioni in questa fase.

Con i giochi ancora tutti aperti, sono da registrare in questi giorni i movimenti dei principali protagonisti della partita. Diverse fonti segnalano l'attivismo dell'Ad di Telecom Marco Patuano e del presidente Giuseppe Recchi e anche le 'consultazioni' che avrebbero riguardato, a diverso titolo, il presidente di Cdp, Claudio Costamagna, l'amministratore delegato di Mediobanca, Alberto Nagel e il finanziere franco-tunisino Tarak Ben Ammar.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI