Home . Soldi . Economia . Arezzo, assedio a Banca Etruria: 'Rivogliamo i soldi che ci avete rubato'

Arezzo, assedio a Banca Etruria: 'Rivogliamo i soldi che ci avete rubato'

ECONOMIA
Arezzo, assedio a Banca Etruria: 'Rivogliamo i soldi che ci avete rubato'

Risparmiatori assediano Banca Etruria ad Arezzo (twitter/VittimeSalvaBanca)

Presidio dell'associazione 'Vittime Salva Banca' davanti alla sede centrale di Banca Etruria in Corso Italia ad Arezzo. Una cinquantina di persone, che si ritengono danneggiate dall'istituto, stanno protestando da questa mattina davanti alla sede centrale della banca.

"Rivogliamo tutti i soldi che ci avete rubato", "A noi lezioni di finanza a voi lezioni di onestà", quanto si legge su alcuni dei cartelli issati dai clienti della banca che si sono visti deprezzare il valore delle obbligazioni.

Csm: nessuna incompatibilità per pm Rossi - Disco verde dal Csm al procuratore di Arezzo, Roberto Rossi, a capo dell'inchiesta sul crac di Banca Etruria. "La prima Commissione del Csm ha valutato che non ci siano, allo stato, gli estremi per l'apertura di una pratica per incompatibilità ambientale o funzionale" di Rossi, ha affermato il presidente della Prima Commissione del Consiglio Superiore della Magistratura Renato Balduzzi, al termine dell'audizione di oggi del pm Rossi, per verificare eventuali profili di incompatibilità tra il suo incarico in qualità di consulente del Dipartimento Affari Giuridici della Presidenza del consiglio e le indagini sulla banca. "Il procuratore Rossi - riferisce Balduzzi - ha risposto in modo esauriente e convincente a tutte le tante domande che gli abbiamo posto sia sulle caratteristiche dell'incarico di consulente presso il Dipartimento Affari Giuridici della Presidenza del consiglio sia sulle indagini in corso in riferimento alla banca Etruria. Ha pienamente convinto la Commissione che probabilmente non esiste un 'caso Rossi' e che siamo in presenza di un magistrato che opera con serenità, indipendenza e imparzialità". "La Commissione - conclude il presidente Balduzzi - ha valutato di acquisire le relazioni della Banca d'Italia e di chiudere la vicenda lunedì 11 gennaio".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI