Home . Soldi . Economia . Spazio, lanciato Sentinel 1-B. Battiston: "Questa è l'Europa che ci piace"

Spazio, lanciato Sentinel 1-B. Battiston: "Questa è l'Europa che ci piace"

ECONOMIA
Spazio, lanciato Sentinel 1-B. Battiston: Questa è l'Europa che ci piace

Il lancio di Sentinel 1-B (Foto ASI)

Lancio effettuato e perfettamente riuscito. Dopo due rinvii, il maltempo ha concesso una tregua alla base dell'Esa di Kourou, in Guyana Francese, permettendo al vettore Soyuz di portare in orbita Sentinel-1B, uno dei due satelliti radio che compongono la costellazione di Osservazione della Terra dell'Unione Europea. Il lancio, conferma l'Agenzia Spaziale Italiana, è avvenuto la notte scorsa, 25 aprile, alle 23.02 ora italiana. Sentinel-1B, ricorda l'Asi, "è, infatti, il gemello del primo satellite della costellazione, 1A, lanciato il 3 aprile 2014 sempre dalla base Esa di Kourou".

Sentinel-1B, al pari di 1A, è progettato per effettuare il monitoraggio continuo delle condizioni metereologiche e di illuminazione solare della terra e del mare e appartiene alla famiglia Sentinel-1, usata per l’osservazione radar. Con la sue entrata in operatività il tempo di rivisitazione passerà da 12 a 6 ore. "I satelliti Sentinel 1 possono studiare il pianeta in ogni condizione, sia di notte che di giorno, anche attraverso le nuvole", sottolinea il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston. "Tutto questo - ha aggiunto - grazie al radar che hanno bordo: una tecnologia in cui l'Italia ha una grandissima tradizione".

Questo genere di satellite, con vista radar, deve infatti molto alla tecnologia italiana in quanto sviluppo dei sistei di osservazione ognitempo e condizione di luminosità tipiche della costellazione dell'Agenzia Spaziale Italiana di Osservazione della Terra, Cosmo-SkyMed. Non è un caso che principale committente industriale sia anche in questo caso Thales Alenia Space, joint venture tra Thales e Finmeccanica. "E' questa l'Europa che ci piace - prosegue il Presidente dell'Asi - che mostra la capacità di lavorare insieme tra i vari paesi che la compongono, di mettere a fattor comunce la conoscenza e le intelligenze nazionali, efficacemente coordinate dall'Unione Europea".

"Con i Sentinel stiamo generando enormi quantità di dati", ha osservato Mauro Facchini, Capo dell'Unita' Copernicus della Commissione Ue. I dati di Sentinel 1, una volta in orbita, saranno raccolti da quattro stazioni per il Core Ground Segment di Copernicus tra le quali figura il Centro spaziale di Matera. Il centro, conclude l'Agenzia Spaziale Italiana, fornirà alla Commissione Europea informazioni e mappe satellitari di aree colpite da emergenze, mettendoli a disposizione delle autorità competenti dei Paesi dell'Unione.

"Il lancio di Sentinel-1B è un'altra importante pietra miliare e questa è la prima costellazione che abbiamo realizzato per il programma Copernicus" ha commentato il Direttore Generale dell'Esa, Jan Woerner. Sentinel-1B ha raggiunto il gemello identico, Sentinel-1A, già in orbita per fornire informazioni per numerosi servizi, dal monitoraggio del ghiaccio nei mari polari al tracciamento di fenomeni di subsidenza del suolo, e per rispondere a disastri come le inondazioni. "In orbita a 180 gradi di distanza, i due satelliti ottimizzano la copertura e la fornitura di dati per servizi che stanno portando un cambiamento importante nel modo in cui l'ambiente è gestito" ha aggiunto Woerner.

Finmeccanica saluta "con soddisfazione" il lancio di Sentinel-1B, dell’Agenzia Spaziale Europea. "A bordo di Sentinel-1B, realizzato dalla nostra partecipata Thales Alenia Space, ci sono importanti equipaggiamenti provenienti dai laboratori di Finmeccanica, dalle unità di regolazione e distribuzione della potenza ai sensori stellari per il controllo di assetto" ha sottolineato Luigi Pasquali, Direttore del Settore Spazio di Finmeccanica.

"Finmeccanica, attraverso Telespazio, contribuisce inoltre al segmento di terra e alla gestione delle operazioni" ha aggiunto Pasquali ricordando che "iniziano ora le delicate fasi di verifica del funzionamento dei sistemi di bordo. Dal Centro Spaziale di Matera, gestito attraverso e-GEOS da Telespazio e dall’Agenzia Spaziale Italiana, riceveremo i dati che potranno confermare se Sentinel-1B è in buona salute". "A quel punto saremo pronti per acquisire le informazioni che il satellite fornirà sul nostro pianeta". ha detto ancora, spiegando che "si tratta di dati fondamentali per il monitoraggio dell’ambiente e dei cambiamenti climatici".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.