Home . Soldi . Economia . L'allarme di Fitch: "Con Brexit a rischio le economie dell'Eurozona"

L'allarme di Fitch: "Con Brexit a rischio le economie dell'Eurozona"

ECONOMIA
L'allarme di Fitch: Con Brexit a rischio le economie dell'Eurozona

Fitch lancia l'allarme sulle conseguenze di una Brexit: se al referendum del 23 giugno in Regno Unito vincesse il 'no' all'Europa le sue conseguenze impatterebbero su export, politica e debiti sovrani, avverte l'agenzia di rating in un'analisi in cui esamina i vari scenari possibili. Un intervento negativo sui rating della Gran Bretagna non sarebbe immediato ma potrebbe arrivare "nel medio termine se l'impatto sull'economia fosse severo e si materializzassero significativi rischi politici", si legge nel rapporto.

Nel premettere che il rating sulla Gran Bretagna verrebbe abbassato in caso vincesse il no alla partnership Ue, Fitch entra nel dettaglio dell'impatto sugli altri stati membri. In caso di uscita di Londra dall'Unione, spiega l'agenzia, si ridurrebbe l'export verso il Regno Unito" e questo impatterebbe Irlanda, Malta, Belgio, Olanda, Cipro e Lussemburgo, principali partner esportatori di beni e servizi Oltremanica per circa l'8% del pil. Sul fronte finanziario, a risentire di una Brexit sarebbero in particolare Irlanda, Malta, Lussemburgo, Spagna, Francia e Germania, paesi le cui banche hanno forti legami con la Gran Bretagna.

La Brexit comporta anche rischi politici in quanto potrebbe innescare altre 'fuoriuscite' dall'Ue, a vantaggio dei partiti euroscettici e populisti. Inoltre i timori che altri paesi lascino l'Unione rischierebbe di condizionare negativamente gli spread dei paesi periferici, aumentando i costi di rifinanziamento del debito. Il comunicato di Fitch non fa i nomi dei paesi che rischiano aumenti di differenziale con i bund tedeschi, ma questo potrebbe essere il caso di Italia, Spagna e Grecia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.