Renzi: "Nessun aumento dell'Iva per finanziare il taglio Irpef"

Nessun aumento parziale dell'Iva per finanziare il taglio dell'Irpef. Lo assicura il premier Matteo Renzi in un'intervista al 'Messaggero', rispondendo con un secco "no" alla domanda della cronista.

Poi, sulle elezioni, afferma: "Per me si vota nel febbraio 2018. I risultati che stiamo ottenendo in Europa li otteniamo per la nostra capacità di fare le riforme e di dare stabilità. Prima dell'interesse del mio partito viene l'interesse del mio Paese. E l'interesse italiano a votare alla scadenza naturale".

Renzi non è preoccupato dal possibile risultato delle Comunali. "Perché dovrei essere preoccupato? Si eleggono i sindaci, il Governo rispetterà i risultati. Certo, nei 17 comuni in cui governano i Cinque Stelle scoppia un problema a settimana".

Infine, la riforma costituzionale: "Non è la riforma perfetta" perché "non esiste neanche nei manuali di diritto costituzionale" ma è comunque "strepitosa e cruciale" perché "supera il bicameralismo paritario, elimina la doppia fiducia e la navetta parlamentare, riduce i costi e i posti della politica, garantisce i diritti delle opposizioni e allo stesso tempo aumenta la stabilità istituzionale" sottolinea il premier.

"Io - rileva Renzi - avrei preferito togliere ulteriori poteri alle Regioni o aumentare il numero dei sindaci nel Senato delle autonomie". Si tratta, osserva il presidente del Consiglio, di "un passo avanti storico per le istituzioni italiane".