Home . Soldi . Economia . Samsung celebra i 25 anni in Italia e punta al digitale per tutti

Samsung celebra i 25 anni in Italia e punta al digitale per tutti

ECONOMIA
Samsung celebra i 25 anni in Italia e punta al digitale per tutti

Il presidente di Samsung Electronics Italia Carlo Barlocco celebra i 25 anni dall'ingresso della società nel mercato italiano e lancia la missione del futuro: "Portare i benefici del digitale al più ampio pubblico possibile in tutti i principali ambiti socio-economici attraverso progetti innovativi orientati a sviluppare fin nei più giovani le competenze digitali necessarie a sfruttare al massimo le potenzialità delle nuove tecnologie". Per festeggiare i risultati raggiunti dal 1991 a oggi e tracciare gli obiettivi del futuro è stato scelto il Samsung District, inaugurato poco più di un anno fa nel polo dell'innovazione e del business di Porta Nuova a Milano.

L'anniversario è anche occasione per presentare una ricerca, condotta dall'Università Bocconi di Milano sull'impatto socio-economico di Samsung nel Paese. Il fatturato della società in Italia, pari a circa 2,9 miliardi di euro, colloca il gruppo al 52esimo posto tra tutte le società italiane, generando un valore che equivale allo 0,2% del Pil italiano. Se si considerano solo le risorse generate e distribuite da Samsung in Italia, nel decennio 2006-2015 la società ha più che raddoppiato il proprio impatto economico: da 264 milioni a 553 milioni. Dal primo anno di attività della società in Italia al 2015, la crescita media annua di Samsung è stata del 30%.

Numeri a cui si aggiungono quelli forniti dal presidente Barlocco: "Solo nel 2015, Samsung ha venduto in Italia oltre 17 milioni di prodotti, in media più di 47mila al giorno, quasi 2mila all'ora e 33 al minuto. Ma dietro questi numeri - continua Barlocco - c'è sempre stata la volontà di generare valore sul territorio e promuovere lo sviluppo e il progresso a livello locale".

Il presidente di Samsung Italia torna anche sulla vicenda degli smartphone 'Galaxy Note 7', al momento ritirati dal mercato: "Abbiamo avuto un problema con la batteria - spiega Barlocco - in quanto uno dei nostri tre fornitori ha mandato alcuni pezzi fallati. In alcuni casi la batteria, prolungando la fase di ricarica, si è surriscaldata e fusa. Si tratta - continua Barlocco - di circa 40 casi su quasi 2 milioni di telefoni venduti. Abbiamo scelto di seguire la nostra etica di mettere al centro il consumatore, ritirando il prodotto dal mercato".

Alla celebrazione partecipano rappresentanti istituzionali e ospiti illustri legati a Samsung da collaborazioni e partnership: da Giuseppe Sala, sindaco di Milano e commissario di Expo, di cui Samsung è stata official global partner, a Giovanni Malagò, presidente del Coni, in virtù della partnership che lega il team Italia a Samsung. Il sindaco lancia da parte sua e dell'amministrazione comunale un messaggio di vicinanza all'azienda nel "sostenere tutti coloro che vogliono rendere Milano ancora più grande e importante".

Il presidente del Coni Malagò ringrazia personalmente Barlocco per il "lavoro straordinario svolto assieme" e per la qualità dei suoi prodotti. "Parliamo di un’azienda - dice Malagò - che è un punto di riferimento del mondo olimpico perché investe da sempre nel nostro movimento, credendo fortemente negli ideali che lo caratterizzano. Innovazione e sport - conclude Malagò - rappresentano sempre più un binomio vincente, che conferisce valore al mondo agonistico ed esalta il ruolo della tecnologia nel supportarne l’evoluzione, contribuendo a promuovere la cultura dello sport come parametro di crescita sociale".

Presenti alla celebrazione anche l'assessore allo Sport e Politiche per i Giovani di regione Lombardia Antonio Rossi e il presidente di Confindustria Digitale Elio Catania, che esprime il proprio rammarico per il ritardo dell'Italia rispetto alle economie europee nel campo degli investimenti nell'innovazione tecnologica. "Noi imprese - spiega Catania - non abbiamo saputo trasmettere cosa potesse veramente portare al sistema Italia la rivoluzione tecnologica. Qualcosa però finalmente sta cambiando: sale l'attenzione delle istituzioni nei confronti dell'adozione del digitale quale motore di crescita. Fondamentale in questo processo evolutivo - conclude Catania - è continuare a promuovere in Italia una cultura dell'innovazione, come Samsung sta facendo in questi 25 anni".

Per i prossimi 25 anni gli obiettivi di Samsung per l'Italia sono molteplici: dal continuare a innovare incrementando gli investimenti nel digitale e il suo livello di adozione presso cittadini e organizzazioni alla diffusione pervasiva della cultura dell'innovazione, favorendo la collaborazione tra i mondi del pubblico e del privato "per innescare un circolo virtuoso dell'innovazione nel 'sistema Paese' e riportare l'Italia a ricoprire il ruolo di primo piano che le spetta nel contesto internazionale".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI