Home . Soldi . Economia . Rosetta, missione compiuta: 12 anni di caccia alla cometa

Rosetta, missione compiuta: 12 anni di caccia alla cometa

ECONOMIA
Rosetta, missione compiuta: 12 anni di caccia alla cometa

Il satellite Rosetta (FOTOGRAMMA)

Rosetta addio, game over. Dopo una discesa controllata, la sonda dell'Esa è atterrata sulla sua cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko, segnando così la fine di una straordinaria avventura iniziata ben 12 anni fa che segna un passaggio cruciale nell'esplorazione spaziale. La conferma dell'approdo di Rosetta sulla cometa è stata accolta con un applauso, una standing ovation e lacrime di commozione dagli scienziati dell'Esa del centro Eso, a Darmstadt, in Germania.

"Grazie Rosetta, grazie Philae, è stata una storia incredibile. Rosetta ci ha regalato una scienza fantastica". Con queste parole Jan Worner, direttore generale dell'Esa, ha salutato la sonda e il suo lander che da oggi terminano una sfida che sembrava impossibile. Questa missione, ha sottolineato il numero uno dell'Agenzia Spaziale Europea, "conferma la bontà degli investimenti con ritorni importanti". Jean Yves Le Gall, presidente del Cnes, ha sottolineato la "fortuna di poter partecipare ad un evento di questa portata".

A salutare Rosetta anche il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston. "Rosetta ed il suo lander Philae hanno catturato l'attenzione di milioni di persone. Questa è l'Europa che amiamo, è l'Europa migliore" ha detto Battiston. "Ora Rosetta e Philae diventano parte dell'Universo" ha aggiunto il capo dell'Asi, sottolineando che "c'è tanta tecnologia a bordo di Rosetta e molta è italiana a dimostrazione della grande collaborazione internazionale che si attiva nelle missioni spaziali".

"Dichiariamo ufficialmente terminata la missione della sonda Rosetta. E' stata un successo". Con queste parole il team della missione europea Rosetta con il mission manager Patrick Martin ha ufficialmente confermato la fine della sfida spaziale. "Abbiamo perso il segnale" ha aggiunto l'Esa.

"Confermiamo l'atterragio sulla superficie della cometa della sonda Rosetta" ha annunciato Andrea Accomazzo, Capo della divisione Missioni Interplanetarie dell'Esa, figura iconica della missione europea cui hanno preso parte decine e decine di scienziati, industrie e tecnologieuropei.

La missione è iniziata il 2 marzo 2004 e da quel giorno la sonda ha compiuto una lunga strada attraverso il sistema solare. Circa tre mesi dopo il suo arrivo intorno alla cometa 67/P, la sonda ha rilasciato il lander Philae approdato sul corpo celeste il 12 novembre 2014.

"Dopo due anni con la cometa, inviando informazioni di una ricchezza scientifica senza precedenti durante il suo massimo avvicinamento al Sole, Rosetta e la cometa si stanno ora dirigendo di nuovo oltre l'orbita di Giove" spiegano gli scienziati dell'Esa. Viaggiando "sempre più lontano dal Sole come non mai prima, ed affrontando una significativa riduzione dell'energia solare, che è necessaria affinché sia operativa, il destino di Rosetta è fissato: seguirà Philae sulla superficie della cometa" aggiungono.

In questi anni di lavoro nello spazio, Rosetta ha fornito "molti indizi importanti per gli scienziati, indizi - rileva l'Esa - da mettere insieme per risolvere le questioni chiave in materia di origine ed evoluzione della cometa, il suo posto nel sistema solare primordiale e il possibile ruolo delle comete nel trasportare ingredienti considerati cruciali per la comparsa della vita sulla Terra, tra cui acqua e materiali organici".

Rosetta sta continuando a raccogliere importanti dati scientifici durante la complessa manovra, iniziata ieri e gestita nella sala di controllo principale dell’Esa a Darmstadt, in Germania, dal team Esoc (European Space Operations Centre), supportato da personale di Telespazio Vega Deutschland, società controllata da Leonardo-Finmeccanica coinvolta nel programma Rosetta dalla fine degli anni ’90, quando Esoc iniziò la pianificazione della missione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.