Home . Soldi . Economia . Google all'AdnKronos: 28 milioni di italiani on line, ma pochi in sicurezza

Google all'AdnKronos: 28 milioni di italiani on line, ma pochi in sicurezza

ECONOMIA
Google all'AdnKronos: 28 milioni di italiani on line, ma pochi in sicurezza

(AFP PHOTO)

Sono 28 milioni gli italiani su Internet ma ancora pochi navigano in sicurezza. "In Italia gli utenti del web stanno crescendo ma non altrettanto la loro consapevolezza sulla tutela della privacy e della sicurezza on line. Gli italiani usano più tecnologia di tre anni fa ma sono ancora incerti su come gestire i dati su internet" afferma all'Adnkronos Claudio Monteverde di Google.

Per questo, annuncia, Google, insieme a Altroconsumo, Polizia Postale e delle Comunicazioni e Accademia italiana del codice di internet, "rilancia anche quest'anno la campagna 'Vivi Internet Sicuro' e, in occasione del Mese europeo della Sicurezza Informatica, promuove un tour nelle piazze di cinque città italiane".

Il programma prende il via sabato prossimo a Milano dove, nell’ex campo di Grano di Porta Nuova nelle vicinanze di piazza Gae Aulenti, ci sarà il tour dedicato a "il Minuto della prevenzione digitale": "Un bus Google attraverserà, a partire dal 15 ottobre e fino al 20 di novembre le piazze di cinque città italiane: Milano (15-16 ottobre), Cagliari (22-23 ottobre), Napoli (5-6 novembre), Bologna (12-13 novembre) e Roma (19-20 novembre)" spiega Monteverde.

"L'obiettivo - continua il manager della Comunicazione di Google - è di sensibilizzare gli italiani sulla necessità di prestare maggiore attenzione a come vengono gestiti i propri dati online". Attraverso la presenza di esperti formati da Google, rappresentanti della Polizia Postale e delle Comunicazioni e di Altroconsumo, la campagna 2016 vuole così "offrire suggerimenti su come proteggere i dati online e navigare sicuri".

"Dopo la campagna del 2015 abbiamo notato un cambiamento ma sul tema della sicurezza on line c'è ancora strada da fare" osserva Monteverde. "Internet è un'opportunità ma sono ancora molti i consumatori che non navigano in sicurezza per questo vogliamo condurli per mano verso una navigazione sicura" afferma il responsabile delle relazioni esterne di Altroconsumo, Ivo Tarantino. "La prevenzione è un fattore importante, per questo partecipiamo a questa iniziativa con entusiasmo" spiega Angelo Parente, funzionario della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Milano.

Tarantino riferisce quindi che "a partire da questo weekend, e per le prossime settimane, sul sito di Altroconsumo ci saranno pillole di contenuti e tutorial per aiutare i consumatori a cambiare i comportamenti on line". Un gazebo di Altroconsumo, aggiunge ancora, "sarà accanto alla postazione di Google nelle piazze italiane "per dare assistenza agli utenti di internet giovani e meno giovani". Un rapporto più diretto con i cittadini sulla sicurezza informatica è anche l'obiettivo della Polizia Postale e delle Comunicazioni. "Se per guidare in strada serve una patente, per navigare su internet -evidenzia Parente- non serve alcun patentino e noi cerchiamo così di formare una maggiore consapevolezza sul tema della sicurezza on line".

Il funzionario della Polizia Postale sollecita quindi i genitori ad avere un costante dialogo con i figli sui temi della sicurezza on line. "E' indispensabile -assicura Parente- che i genitori, specie di ragazzi delle medie, abbiano la password degli account usati dai figli per poterli tutelare al meglio. I giovanissimi non andrebbero mai lasciati soli sul web". "Come Google - ricorda Monteverde - abbiamo lanciato l'Account Personale che fornisce accesso immediato alle impostazioni e agli strumenti che possono aiutare le persone a proteggere i propri dati e la propria sicurezza su Google".

Infine, nel corso della campagna, insieme all’Accademia italiana del codice di internet, prenderà il via nelle università delle cinque città coinvolte u n’attività di approfondimento e formazione dedicata alla disamina di specifiche tematiche di privacy e di sicurezza. I diversi appuntamenti, che partono da Milano il 16 e 17 ottobre per concludersi il 19 e 20 novembre a Roma, vedranno anche la partecipazione di rappresentanti dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI