Home . Soldi . Economia . Almaviva, azienda accoglie la mediazione del governo

Almaviva, azienda accoglie la mediazione del governo

ECONOMIA
Almaviva, azienda accoglie la mediazione del governo

(Fotogramma)

Almaviva Contact accoglie la proposta di mediazione, formulata dal governo, "condividendone le finalità e le linee guida, in quanto impegna le parti ad affrontare in termini strutturali le misure per il recupero di efficienza e produttività aziendale e per la conseguente messa in sicurezza della Società". E' quanto si legge in una nota del gruppo. Queste misure, prosegue la nota di Almaviva, in linea con le indicazioni concrete fornite dal Governo e in presenza del suo alto ruolo di garanzia, vanno accompagnate da ammortizzatori sociali adeguati e dovranno essere correttamente definite in un accordo da concludere entro il 31 marzo 2017.

La proposta del governo è stata messa sul tavolo del confronto dal ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda e dalla vice ministra Teresa Bellanova. Durante il periodo dedicato al confronto però, chiede ancora il Mise, "le parti si impegneranno a proseguire il confronto per individuare soluzioni in tema di: recupero di efficienza e produttività in grado di allineare le sedi di Roma e Napoli alle altre sedi aziendali; interventi temporanei sul costo del lavoro". Nel frattempo, si legge ancora nella nota del ministero di via Molise, il governo proseguirà l’azione di vigilanza e sanzione come rafforzata nella legge di bilancio appena approvata, con l’obiettivo di disincentivare la delocalizzazione.

Sulla proposta è arrivato il sì dei sindacati. "Cgil, Cisl, Uil e Ugl danno la loro disponibilità ad accettare il percorso illustrato che, per avere efficacia e credibilità, dovrà prevedere una costante e fattiva presenza del Ministero", si legge in una nota. I sindacati chiedono inoltre al ministro "di garantire la correttezza del percorso, l'effettività del negoziato e la coerenza dei comportamenti delle parti" e di "vigilare affinché non prosegua il trasferimento di attività di Almaviva dai siti italiani a quelli esteri, anche se comunitari, in quanto un simile comportamento falserebbe e minerebbe la credibilità stessa del negoziato".

"Abbiamo evitato che esplodesse la bomba, da domani lavoriamo per disinnescarla" ha commentato il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI