Home . Soldi . Economia . Descalzi, con l'Eni e per l'Eni: il piano dell'ad accende i riflettori della stampa nazionale

Descalzi, con l'Eni e per l'Eni: il piano dell'ad accende i riflettori della stampa nazionale

ECONOMIA
Descalzi, con l'Eni e per l'Eni: il piano dell'ad accende i riflettori della stampa nazionale

L'amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi

E' stata accolta con grande risalto sulla stampa nazionale la notizia del nuovo piano industriale presentato ieri dall'ad di Eni Claudio Descalzi, che ha illustrato i risultati di Eni del 2016, facendo il bilancio di un triennio durante il quale l'azienda ha affrontato e superato positivamente "un contesto tra i più difficili nella storia dell'industria oil&gas".

Prospettive di crescita che, come ha rilevato il top manager, sono basate sugli importanti risultati ottenuti "la produzione di 1,86 milioni di barili/giorno dell'ultimo trimestre, il rimpiazzo record delle riserve certe, una serie importante di nuovi progetti a elevato valore che contribuiranno a una crescita produttiva media del 3% nel prossimo quadriennio e l'avanzata ristrutturazione dei business middownstream".

Dalle colonne del 'Corriere della Sera' a quelle de 'Il Sole 24ore', passando per 'Il Messaggero' e 'il Giornale', sui quotidiani di oggi vengono messi in luce il piano di sviluppo e le prospettive di crescita del gruppo guidato da Descalzi. 'Eni, sul piano la spinta di produzione e scoperte' titola 'Il Sole 24ore', che rimarca anche la strategia "giocata sulla rifocalizzazione e sul rafforzamento del business upstream, settore chiave, sulla ristrutturazione degli altri segmenti per recuperare redditività e sulla razionalizzazione della struttura e dell'organizzazione aziendale".

'L'Eni ritorna all'utile nell'ultimo trimestre' annuncia invece 'la Repubblica', che sottolinea come sebbene il 2016 si chiuda con un rosso di 1,46 miliardi, tra ottobre e dicembre i conti del Cane a sei zampe siano in attivo. Focus sul balzo a Piazza Affari di Eni per 'La Stampa', che sottolinea la produzione in crescita del gruppo e la riconferma di Descalzi al timone dell'Eni: 'Eni vola in Borsa con i conti e il piano' è il titolo del quotidiano di Torino.

Per il 'Corriere della Sera', invece, il Cane a sei zampe 'sfida il mercato e le major' e scommette tutto sulle nuove scoperte. "Dopo una lunga fase di mercato a dir poco difficile - scrive il quotidiano di via Solferino - questi risultati possono costituire un buon viatico per il futuro dell'Eni".

Sulla stessa lunghezza d'onda anche 'il Giornale', 'Descalzi rilancia: 'Eni come casa mia'' titola il quotidiano diretto da Alessandro Sallusti, che elogia "la solida struttura finanziaria" del gruppo "in grado di affrontare le vertiginose oscillazioni dell'oro nero vissute nell'ultimo triennio". 'il Giornale' spende inoltre parole incoraggianti per il lavoro del top manager: "Descalzi ha intrapreso la strada dell'efficienza diminuendo investimenti e spese operative con un risparmio complessivo di 10 miliardi raggiunto nell'arco di piano e ha mantenuto il debito sotto controllo".

Lo scatto in Borsa dell'Eni ha interessato anche le pagine de 'Il Messaggero', che titola 'Eni, la perdita a 1,4 miliardi. Il nuovo piano spinge il titolo'. Il quotidiano romano si focalizza sulle strategie e sulle linee guida messe a punto da Descalzi, manovre che hanno permesso "il ritorno in salute del Cane a sei zampe".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI